Adriabus risponde a Cisl su tariffe e nuovi autobus

Bus di Adriabus   2' di lettura Fano 09/01/2016 - Niente di più falso rispetto a quanto dicono alcuni rappresentanti provinciali della Cisl, che - all'interno di quello che dovrebbe essere un dibattito serio e leale sul tema del trasporto pubblico - mettono insieme aumenti delle tariffe, investimenti per nuovi autobus e, persino, la riattivazione della tratta ferroviaria Fano-Urbino.

Un tentativo per dare ai cittadini l'immagine distorta Adriabus e per inserire in argomenti prettamente politici tra quelli di natura sindacale.

Sul fronte dell'indagine Istat, a cui fa riferimento la Cisl, non è chiaro il parametro che si utilizza per dire che il sistema dei trasporti della nostra provincia sarebbe inefficiente, visto che negli ultimi 5/6 anni il servizio é stato ridotto mentre il numero dei passeggeri è sempre aumentato. Inefficiente significa inadeguato? caotico?

L'acquisto dei nuovi autobus è regolarmente in corso: basta andare sul nostro sito e si potrà verificare che è in corso una gara per 6 mezzi; un'altra per ulteriori 3 verrà pubblicata la prossima settimana e per gli altri subito a seguire, mentre una gara precedente è andata deserta.

L'aumento dei biglietti con l'acquisto dei nuovi bus non ha alcuna relazione diretta, ma sicuramente contribuirà anche al rinnovo del parco autobus. Piuttosto, "sull'enorme fiume di denaro", i tre esponenti Cisl sembrano alquanto disinformati e supponiamo non la pensino come loro nemmeno i loro colleghi sindacalisti di Fit Cisl, che sanno benissimo che il costo chilometrico sostenuto dai cittadini marchigiani è nettamente inferiore nel confronto con altre regioni. E nonostante questo scarto, tutto il settore ha un suo equilibrio economico.

La Cisl provinciale, infine, dimentica di annunciare che, a proposito di aumenti, proprio a dicembre è stato sottoscritto il rinnovo del contratto nazionale di lavoro, che a livello regionale costerà alle aziende oltre 3 mln di euro, una cifra ben superiore a quanto introitato con l'aumento delle tariffe.

Riattivare la ferrovia Fano-Urbino? Adriabus non prende posizione, perchè è una scelta politica, che non compete ne' all'azienda ne' al sindacato, ma che troverà l'Azienda a fianco delle istituzioni nel momento in cui le stesse decideranno di modificare l'attuale offerta di trasporto con qualsiasi mezzo essa sia pianificata ed integrata.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-01-2016 alle 11:06 sul giornale del 11 gennaio 2016 - 813 letture

In questo articolo si parla di attualità, adriabus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/askA


omar alashheb

10 gennaio, 02:34
Non definirei il servizio di adriabus ne inefficiente ne caotico ma quantomeno insufficiente ad una citta di 100000 abitanti. Solo qualche appunto.rncome mai ancona ha i bus fino all'una di notte come la nostra vicina rimini? Come mai il navigatore dei bus che fa si che alle fermate si veda (dove presente l'apposito schermo) il passaggio del bus nella quasi metá dei casi non funziona (se non addirittura non funziona nemmeno lo schermo come succede a largo tre martiri e alla fermata delle scuole magistrali? Come mai l'applicazione mycicero (ottima iniziativa) ha degli orari errati soprattutto delle corse scolastiche e non permette l'acquisto diretto del biglietto una volta individuata la soluzione (io per fare urbino cattolica con la linea 47 sono dovuto andare su google maps e calcolarmi i km per capire che tariffa acquistare, cosa che non succede se sulla stessa applicazione cerco gli orari ATMA). prego ad adriabus di rispondere a queste poche domande. Saluti, un pendolare di lungo corso...

utente registrato

12 gennaio, 09:36
Certo che se fosse attiva, ad esempio, la ferrovia Fano Urbino, Adriabus dovrebbe calmierare tariffe e pretese e migliorare efficienza del servizio: Meditate gente, meditate!