Delvecchio interviene su questione Grizzly con interrogazione urgente

5' di lettura Fano 23/09/2015 - I sottoscritti Consiglieri Comunali, ai sensi dell’art. 34 titolo III del regolamento di organizzazione e funzionamento del Consiglio Comunale, presentano la seguente interrogazione:

Preso atto delle Dichiarazioni dell’Assessore Mascarin del 21/09/2015 sui media locali in merito alla occupazione abusiva dell’immobile sito in zona Vallato denominato spazio autogestito Grizzly, con le seguenti dichiarazioni:

- Corriere Adriatico 21/09/15 “In merito l'assessore alla legalità Samuele Mascarin precisa che l'immobile occupato dai ragazzi ad oggi è ancora di proprietà del Demanio. Quando quei beni, a breve, passeranno formalmente nel patrimonio del Comune di Fano che se ne assumerà, quindi, la piena titolarità giuridica, credo che il Comune dovrà verificare la possibilità di ricondurre quella esperienza nell'ambito del rispetto delle regole e della legalità, così che quelle attività sociali e aggregative possano svilupparsi.”;

- Il Resto del Carlino 21/09/15 “ Mascarin ha tenuto a precisare che «quando quei beni, a breve, passeranno formalmente nel suo patrimonio e ne assumerà, quindi, piena titolarità giuridica, credo che il Comune di Fano dovrà verificare la possibilità di ricondurre quella esperienza nell’ambito del rispetto delle regole e della legalità, così che quelle attività sociali e aggregative possano svilupparsi senza ambiguità…”;

- Il Messaggero 21/09/2015 "l'immobile occupato dal Grizzly è ancora proprietà del Demanio. A breve passerà al patrimonio del Comune e l'ente locale dovrà verificare la possibilità di ricondurre l'esperienza dello spazio autogestito nell'ambito del rispetto delle regole, così che le attività possano svilupparsi senza ambiguità. Tuttavia penso che dovremo procedere con il metodo che abbiamo sempre privilegiato da quando siamo al governo della città: confronto e dialogo. Esasperare i toni non serve e in questo senso credo che sia stata utile la consigliera comunale Carla Luzi, presentatasi al Grizzly per verificare la situazione e allentare la tensione. Se richiesto contribuirei volentieri a individuare soluzioni condivise";

Visto le dichiarazioni già rese in precedenza dello stesso tenore che non lasciano dubbi interpretativi sulle reali volontà dell’Assessore alla Legalità Mascarin:

-Fanoinforma 20/03/2015 dichiarazione assessore Mascarin “L’immobile occupato dai ragazzi del Grizzly – continua l’assessore – è di proprietà del Demanio Statale, per legge quindi l’unico legittimato a chiedere un intervento su quei locali. Se poi chi ha la responsabilità dell’ordine pubblico sino ad oggi non è intervenuto, immagino sia perché non ne ha ravvisato la necessità. Ad ogni modo sono interrogativi ai quali, per evidenti ragioni, non può essere l’amministratore locale a rispondere”…. “Se qualcuno invece mi chiedesse come si comporterà il Comune di Fano quando quei beni passeranno formalmente nel suo patrimonio e ne assumerà, quindi, piena titolarità giuridica, posso dire chiaramente che verificheremo la possibilità di ricondurre quella esperienza nell’ambito del rispetto delle regole. Auspichiamo infatti che quelle attività sociali e aggregative possano svilupparsi senza ambiguità. Ma lo faremo con il metodo che abbiamo sempre privilegiato da quando siamo al governo della città: con il dialogo. Posso garantire che saremo fermi nell’esigere il rispetto delle regole, ma se qualcuno si aspetta il manganello come metodo di risoluzione dei problemi, mi dispiace deluderlo: è un approccio che non ci appartiene”;

Preso atto che sia l’Assessore Mascarin che il consigliere Comunale Luzi Carla del suo stesso gruppo politico Sinistra unita sono stati ripetutamente nel centro autogestito Grizzly, come da essi stessi dichiarato sui media locali per vari avvenimenti e accadimenti.

Considerato che L’Assessore Mascarin, amministratore delegato dal Sindaco, è un pubblico ufficiale e come specificato all’ Art. 357 del Codice Penale “ L'assessore è pubblico ufficiale in quanto esercita temporaneamente e per obbligo una funzione giurisdizionale “ e che quindi vige l'obbligo giuridico di denunciare un reato (art 357-358 cp.). Per l'omissione della denuncia di quanto previsto dal c.p. si configura un reato a carico del pubblico ufficiale, disciplinata dagli art 361-362 del codice penale Italiano.

Preso atto delle ripetute dichiarazioni del Sindaco Massimo Seri sulla non sanabilità dell’occupazione abusiva, della casetta del custode in zona Vallato/aereoporto;

Preso atto dell’Incontro del Sindaco con i cittadini presso il quartiere San Lazzaro del 10/11/2014, nel quale si è discusso del centro autogestito grizzly;

Visto la poche idee e il taglio totale dei fondi dal settore adolescenti/giovani, che servirebbe per organizzare al meglio nuovi centri di aggregazione per ragazzi/e e giovani per fini sociali, culturali, musicali o sportivi;

Visto la delega alla Legalità conferita dal Sindaco, all’Assessore Mascarin;

Preso atto del Codice Etico approvato dal Consiglio Comunale al “ TITOLO II MODALITA’ DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI AMMINISTRATORE Articolo 4 - Principi informatori del mandato politico e rapporti con i cittadini” art. 4, art.5 e art.6, che non sono conformi alla eventualità di procedere con una sanatoria verso una occupazione abusiva.

I sottoscritti Consiglieri Comunali interrogano il SINDACO:

- Se corrispondono al vero le dichiarazione apparse sui social locali, nelle quali le si attribuisce la seguente dichiarazione fatta alla assemblea pubblica del quartiere di San Lazzaro il 10/11/2014 “Il sindaco: sono favorevole a sanare la situazione dello spazio autogestito Grizzly perché è un ‘ottima esperienza all’interno di una città ..”

- Viste tutte le motivazioni esposte in premessa, se non ritiene di dovere revocare le deleghe all’Assessore Samuele Mascarin che dichiara in diversi periodi di volere sanare una occupazione abusiva anche alla luce della sottoscrizione del codice etico;

- Per le motivazioni esposte in premessa, se non ritiene di dovere revocare la delega alla Legalità all’Assessore Samuele Mascarin che dichiara in diversi periodi di volere sanare una occupazione abusiva anche alla luce della sottoscrizione del codice etico;

-Visto l’azzeramento del fondo delle Politiche Giovanili: quali metodi e azioni concrete adotterà per promuovere nuovi centri di aggregazione per ragazzi/e e giovani per fini sociali, culturali, musicali o sportivi, e se conferma che saranno esclusi i centri con finalità politiche, visto il Codice Etico approvato in Consiglio Comunale;


da Davide Delvecchio
Gruppo consiliare Insieme Per Fano-UDC





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-09-2015 alle 16:39 sul giornale del 24 settembre 2015 - 462 letture

In questo articolo si parla di fano, politica, comune di fano, delvecchio, davide delvecchio, Consigliere Comunale, gruppo consiliare Insieme Per Fano-UDC

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aorO





logoEV