Foschi (FI): 'In Regione non si perde il treno'

Elisabetta Foschi 10/02/2015 - Storico risultato oggi in Regione. Passa a maggioranza una mozione contro la dismissione della tratta ferroviaria Fano e Urbino e favorevole pertanto al ripristino del treno. Una mozione sottoscritta oltre che da me anche da Cardogna (primo firmatario), Solazzi, Binci, Bucciarelli, D'Anna.


Con venti voti a favore e sette contro, vince il territorio e viene messo in minoranza Matteo Ricci e la sua idea di pista ciclabile. Hanno votato a favore della ferrovia tutto il centrodestra da Forza Italia a Fratelli d'Italia, il gruppo misto, Marche 2020, Sel rifondazione e verdi. Contro il PD su indicazione del suo capogruppo Mirco Ricci.
 
Si tratta di un risultato importantissimo. Ora la Giunta Regionale dovrà attivarsi da subito per attivare le procedure necessarie alla revoca del d.n.430 del 15/12/2014, per chiedere alle Ferrovie dello Stato il trasferimento a titolo gratuito della tratta ferroviaria Fano- Urbino alla Regione Marche e infine per perseguire in tutte le sedi opportune ogni possibile azione per il ripristino e la riattivazione della tratta ferroviaria Fano- Urbino.
 
Un risultato importante ottenuto grazie al lavoro svolto dal comitato ferrovia valmetauro e all'amministrazione comunale di Urbino guidata da Maurizio Gambini che ha fortemente voluto non arrendersi e non perdere...il treno.
 

da Elisabetta Foschi
Consigliere regionale FI




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-02-2015 alle 14:26 sul giornale del 11 febbraio 2015 - 717 letture

In questo articolo si parla di fano, forza italia, politica, elisabetta foschi, consiglio regione marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/afcw


Pilar

11 febbraio, 07:19
Grazie Elisabetta per aver sottoscritto e votato questa mozione quale primo passo concreto verso una sensibilità per le popolazioni dell'entroterra Pesarese e garantire un collegamento diverso quale il treno integrato ovviamente con il trasporto su gomma che è complementare alla ferrovia

utente registrato

11 febbraio, 11:16
Raramente capita che forze politiche spesso contrapposte siano accomunate in una battaglia di civiltà per il progresso e lo sviluppo del territorio e non dei propri scopi personali. Brava Consigliera, che sia un segnale per tutto il resto d'Italia? GRAZIE!