Maltempo: l'appello del Conapo, sindacato dei Vigili del Fuoco

conapo 2' di lettura Fano 28/07/2014 - E’ bastato un violento temporale, più intenso di un normale acquazzone estivo, per portare -di nuovo- alla ribalta le difficoltà in cui si dibatte da nani la macchina dei soccorsi dei Vigili del Fuoco della Provincia di Pesaro e Urbino.

Da anni il Conapo, Sindacato Autonomo dei Vigili del Fuoco, lancia allarmi sulla inadeguatezza delle strutture e degli organici che devono garantire il soccorso nel territorio della Provincia e dei distaccamenti di Cagli, Urbino e Fano, terza città delle Marche, il cui personale è chiamato a fornire servizi di soccorso tecnico urgente con una sola squadra di 5 uomini, nell’ambito di un vasto territorio che comprende ben 19 comuni ed un bacino di utenza di oltre 100.000 abitanti, caratterizzato da importanti assi viari ed insediamenti industriali lungo le due direttrici del Metauro e del Cesano.

Nel corso degli anni i nostri appelli sono rimasti inascoltati ma, peggio ancora, sono stati addirittura ignorati a danno ulteriore dell’organico del comandi di Pesaro e Urbino che, nel progetto di riordino del dispositivo di soccorso approvato lo scorso mese di Aprile dal Ministero dell’Interno, d’intesa cone le organizzazioni sindacali confederali, prevede in generale un’ulteriore diminuzione del personale di 10 unità, con la sottrazione di un unità ai distaccamenti di Cagli e Fano, il cui personale a disposizione, entro la fine del 2014, si ridurrà ulteriormente portando l’organico di Cagli dalle attuali 8 unità teoriche giornaliere a 7 e quelle di Fano da 9 a 8, con un ulteriore impoverimento delle risorse da destinare al soccorso.

Siamo dalla parte dei cittadini, lo siamo sempre stati, anche quando lamentano un ritardo dei soccorsi da parte dei Vigili del Fuoco; vorremmo poter avere risorse infinite per aiutare tutti, per soddisfare le richieste di tutti coloro che si ricordano di noi solo quando una un’emergenza che li coinvolge direttamente. Ci sentiamo frustrati quando siamo costretti a rispondere che non siamo in grado di poterli aiutare perché vorremmo ma ci mancano i numeri per poterlo fare.

Se, in condizioni ordinarie, gestire due interventi di soccorso “quasi” contemporaneamente con una sola squadra di 5 uomini è difficile, gestire una situazione di emergenza come le stesse risorse diventa un vero dramma ma, nonostante le difficoltà enormi nelle quali ci dibattiamo e le ingiuste accuse di ritardi, siamo sempre stati dalla parte dei cittadini e sempre lo saremo. Però ci piacerebbe che anche i cittadini fossero dalla nostra parte, almeno quando manifestiamo per poter continuare garantire la loro sicurezza.






Questo è un articolo pubblicato il 28-07-2014 alle 08:55 sul giornale del 29 luglio 2014 - 491 letture

In questo articolo si parla di vigili del fuoco, maltempo, emergenza, nubifragio, pesaro e urbino, CONAPO - Sindacato Autonomo VV.F.

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/7Pp





logoEV