Chiusura pediatria, Comitato per la difesa del Santa Croce: 'Ma dov'è la città dei bambini?'

Saverio De Blasi 4' di lettura Fano 16/05/2014 - Che bella una città a misura di bambino… un sogno direi! Appena rientrato da un’interessante conferenza su questa bella idea, non ancora attuata, mi raggiunge un’altra notizia che ne fa da gelido contraltare!

Il reparto di Pediatria del nostro ospedale, chiude (rimarrà solo un servizio con 1 medico per l’osservazione breve 48H). Eh sì… i distruttori del Santa Croce non riposano mai ed ora, dopo aver partorito l’insensata idea di fare di Fano il polo medico privandolo delle chirurgie, dell’ortopedia ed a breve anche della cardiologia intensiva (e la scritta Pronto Soccorso/Emerency continueranno a tenerla?) ecco rimangiarsi prontamente anche le briciolette che ci avevano lasciato! Fano città dei bambini… ma senza Pediatria! Cari genitori (io sono con voi grazie alle 3 figlie piccole che ho) da oggi la pediatria di Fano, per volontà del nuovo primario di Pesaro (con l’accordo della direzione), va incontro alla seguente ri-organizzazione: eliminati i posti letto (eccezion fatta per “l’osservazione a breve” - max 48H); un solo medico di turno ed un solo infermiere. Non è possibile mi dico… ma come ci si può contraddire ogni giorno di più? Quali sono le giustificazioni per un trattamento così punitivo che la nostra città sta subendo? Dovevamo essere il Polo (o forse il pollo) Medico (con tutto ciò che ne comporta)? Ed allora perché ci viene tolto anche quest’ultimo reparto medico? L'ultima organizzazione dell’azienda ospedaliera Marche Nord (tecnicamente assurda e castrante per il nosocomio Fanese) prevedeva un polo chirurgico a Pesaro ed un polo medico a Fano che ovviamente comprendeva anche la pediatria. Ed allora perché viene tolto anche quest’ultimo reparto medico?

Sembra veramente di assistere al teatro dell’assurdo! “Egr. dott. Ricci, ci vuole spiegare una buona volta che cosa le abbiamo fatto di male per distruggere giorno per giorno la nostra sanità e, ripetiamo, siamo la terza città della Marche ed abbiamo un bacino di utenza della stessa grandezza di Pesaro? Cosa dovranno fare da domani i genitori che hanno la sfortuna di avere un figlio con qualche problema di salute? Andare su e giù tra la nostra città e l’ospedale San Salvatore mentre continuano a lavorare, assistere gli altri figli che possono avere e fanno i conti con le difficoltà di tutti i giorni? Ripeto: cosa abbiamo fatto di male?" La nostra città, gli esperti ce lo garantiscono, ha assolutamente i numeri per reggere un ospedale con i principali reparti ben assortiti…

Dopo l’Ortopedia, la Chirurgia Generale e la Nefrologia ecco quindi che la sempre più affilata scura dell’azienda ospedaliera Marche nord si abbatte nuovamente sul Santa Croce e sulla sua Pediatria! Questo renderà ingestibili gli oltre 4000 accessi annuali al Pronto Soccorso pediatrico che la struttura sopporta già con difficoltà e gli oltre 1000 parti/anno che fino ad oggi potevano contare su una pronta assistenza neonatale. Con tale ingiustificato ridimensionamento sarà sempre più difficile offrire un servizio efficiente ai piccoli pazienti che si rivolgono a tale struttura, spesso in condizioni di emergenza, mentre i volenterosi operatori (che ormai - a pieno titolo - potremo definire eroici) si troveranno ad operare in condizioni sempre più frustranti.

Che dire? Tutto previsto, purtroppo. Anche l’ennesima retromarcia su un piano aziendale che vedeva, per la pediatria, una collocazione nel nostro “presidio (come si chiama in Marche Nord un ospedale che non è più tale!), ma che dopo la “disavventura” del nostro primario (il dott. Franchi) con un rapidissimo blitz è stata prontamente accorpata al corrispettivo pesarese; non valutando neanche per un attimo se in quel reparto ci fosse qualcuno in grado di sostituire il Dr. Franchi… Il Santa Croce, ridotto ormai ad un manipolo di eroici operatori che promettono di resistere, è ridotto ad essere l’ombra di se stesso e questo grazie ad un mostro che si chiama Azienda Ospedaliera Marche Nord che ingrassa i soliti noti e toglie servizi essenziali ai cittadini ed ora ai bambini!


da Comitato per la difesa dell’Ospedale Santa Croce




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-05-2014 alle 10:29 sul giornale del 17 maggio 2014 - 568 letture

In questo articolo si parla di attualità, bambini, pesaro, Comitato per la difesa dell’Ospedale Santa Croce, reparto pediatria, chiusura reparti, saverio de blasi, ospedale santa croce di fano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/4it





logoEV