Ospedale Santa Croce, D'Anna: 'Ultime preoccupanti novità'

Giancarlo D'Anna 1' di lettura Fano 18/04/2014 - Altri tagli all'ospedale di Fano? Sembra proprio che l'agonia di quello che in passato è stato un riferimento importante della sanità di Fano continui.

E' infatti in atto un monitoraggio sul numero delle prestazioni svolte dall'anestesista di guardia diurno e notturno, dagli infermieri del blocco operatorio in reperibilità, oltre al numero di prestazioni svolte dal servizio di preospedalizzazione. Stanno anche valutando la possibilità di chiudere per un certo periodo la rianimazione di Fano. Dal 15 maggio ortopedia, chirurgia, urologia saranno accorpate con circa 10+10+2 posti letto. Dal 26 giugno al 26 agosto a Pesaro l’ortopedia avrà solo due sedute operatorie settimanali mentre per ora a Fano non si è parlato di ridurre le sedute operatorie per cui a Pesaro avranno i posti letto senza sedute operatorie e a Fano il contrario sedute operatorie ma non posti letto. E’ ufficiale la conversione a Fano da week-day surgery a day surgery (ricoveri sino alle ore 19) con impossibilità di eseguire interventi chirurgici di media o grande complessità.

Ecco dove ci sta portando l'azienda Marche Nord, quella che secondo i suoi sostenitori avrebbe dovuto risolvere i problemi della nostra sanità. Oggi assistiamo, insieme al declino di quello che era il nostro ospedale, anche alla sceneggiata dei finti difensori del Santa Croce che cercano di nascondere con cartelloni e spot pubblicitari le proprie colpe e responsabilità.


da Giancarlo D'Anna
Vice Presidente Commissione Sanità




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-04-2014 alle 13:40 sul giornale del 19 aprile 2014 - 748 letture

In questo articolo si parla di sanità, politica, Giancarlo d'anna, santa croce di fano, ospedale santa croce di fano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/2Ov





logoEV