Il candidato sindaco Marchegiani: 'Ambiente, una risorsa per la città'

Stefano Marchegiani 3' di lettura Fano 28/01/2014 - In vista dell'incontro sui temi ambientali in programma per questo pomeriggio, alle ore 17, alla sala del Consiglio, insieme ai tre candidati alle primarie del centrosinistra, Stefano Marchegiani, Samuele Mascarin e Massimo Seri, il segretario del PD di Fano si focalizza sulla politica ambientale e sulla questione biogas.

La Giunta Regionale, infatti, ha prorogato la scadenza delle autorizzazioni delle centrali a biogas, permettendo ai privati, entro 60 giorni, di procedere con la richiesta di Valutazione d'Impatto Ambientale. Il Partito Democratico si dice vicino a tutti coloro che, in questi ultimi tempi, hanno sostenuto una battaglia legittima sul territorio e ribadisce la propria posizione: "Non siamo contrari al biogas ma non condividiamo né il metodo né il merito con cui si è giunti a questa decisione. Si torna a scavalcare i territori mentre occorreva una programmazione concordata con i comuni di riferimento e nel rispetto di chi ci abita - spiega Marchegiani - e ciò può essere fatto solo con la concertazione".

Strettamente legato all'ambiente, Stefano Marchegiani rivolge un'attenzione particolare al tema dell'agricoltura di cui si è parlato domenica mattina al Codma di Fano insieme alle associazioni di categoria. "Si tratta di un settore che vede un crescente interesse da parte di giovani, che può creare occupazione. L'istituzione di un 'tavolo verde' permetterebbe alle amministrazioni e agli agricoltori di ragionare su di un settore strategico per la città".

Marchegiani, riferendosi al concetto di "Smart City" tanto promosso dall'Assessore Serfilippi, invita l'amministrazione a discutere non solo di reti wifi, ma anche di progetti di riqualificazione per la razionalizzazione dei consumi, a partire dalla sostituzione di lampioni pubblici con lampade a basso consumo e degli impianti di riscaldamento degli edifici pubblici. Progetti su cui la città di Fano risulta ancora indietro e che, se ben applicati, consentirebbero margini di risparmio straordinari.

Riferendosi all'incontro pubblico tenutosi al Poderino, il segretario Marchegiani torna a parlare anche dell’interquartieri che, secondo il progetto iniziale non doveva essere interrotto ma sarebbe dovuto arrivare fino all'Adriatica, oggi invece la strada attraverserà tutta la zona e terminerà in zona Trave, nei pressi della palestra, riversando così il traffico stradale sulla viabilità interna. "Sembra più una tangenziale che un interquartieri" commenta Marchegiani. "Nel progetto ci sono elementi di qualità come piste ciclabili, marciapiedi, barriere fonoassorbenti. Si tratta di un'opera importante, invito l'amministrazione a confrontarsi con i comitati per capire quali miglioramenti si possono ancora fare in questa fase del progetto".

Marchegiani torna anche sul tema della manutenzione ordinaria delle strade di Fano, fortemente dissestate, proponendo l'utilizzo di lavoratori socialmente utili, che magari hanno perso il lavoro, in modo da ridare alla città la disponibilità di cantonieri, opportunamente formati, da impiegare in lavori di manutenzione stradale. Infine, il tema della sicurezza: "Va trovato il modo per riattivare il servizio notturno dei vigili urbani, al momento chiuso. In modo da garantire un controllo generale sulle strade soprattuto nei fine settimana".

Si ricorda che questa sera, martedì 28 gennaio, alle ore 21, si terrà il confronto fra i tre candidati alle primarie della coalizione di centrosinistra al centro civico di Ponte Sasso.






Questo è un articolo pubblicato il 28-01-2014 alle 12:04 sul giornale del 29 gennaio 2014 - 898 letture

In questo articolo si parla di ambiente, fano, politica, agricoltura, Partito Democratico Fano, interquartieri, news, biogas, Stefano Marchegiani, notizie fano, ultim'ora, Sabrina Giovanelli, Primarie del centrosinistra, primarie centro sinistra fano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/XEv





logoEV