Mondolfo: lacrime e commozione a Marotta per l'ultimo saluto alla 17enne Laura Comedini

20/01/2014 - Lacrime e commozione a Marotta per l'ultimo saluto a Laura Comedini. La 17enne di Fossombrone, che frequentava l'istituto alberghiero Panzini di Senigallia, strappata all'affetto dei suoi cari e dei suoi amici da un male incurabile a soli 17 anni.

La giovane, che da tempo lottava con tutte le sue forze ed il sorriso che l'ha sempre contraddistinta contro un male incurabile, domenica non ce l'ha più fatta.

Ragazza solare, allegra e piena di gioia di vivere, oltre a dedicarsi allo studio, ai suoi amici ed ai tanti hobby che aveva, faceva parte del gruppo scout Gngei di Senigallia dove ha svolto fino all'ultimo tutte le attività ed il suo ruolo di 'rover'. Immancabili i messaggi di saluto e di dolore, ma anche di vicinanza alla famiglia, di amici e compagni di scuola sulla sua pagina facebook. Ma non solo. Molti infatti anche i ragazzi che, pur non conoscendola profondamente, hanno voluto esprimere il proprio dolore e la propria incredulità per la prematura scomparsa della 17enne.

Lunedì, alle 15:30, amici, parenti, conoscenti e semplici cittadini delle due città in lutto, Marotta dove abitava in zona Sterpettine e Senigallia dove seguiva le lezioni e svolgeva le sue attività pomeridiane, si sono riuniti nella chiesa di San Giuseppe a Marotta per un ultimo saluto.






Questo è un articolo pubblicato il 20-01-2014 alle 15:54 sul giornale del 21 gennaio 2014 - 6136 letture

In questo articolo si parla di cronaca, Sudani Alice Scarpini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/XjE

Leggi gli altri articoli della rubrica fatti tragici


Franco Rosini

21 gennaio, 17:30
Che dire? Forse il silenzio è più espressivo di ogni parola. Praticamente quasi non passa giorno che nelle nostre cronache locali non leggiamo di persone conosciute che se ne vanno per sempre a causa di mali incurabili. Quanto tempo ancora dovremo aspettare prima di sconfiggere il «male del secolo»? Quanto ci metteranno a capire, coloro che amministrano le risorse pubbliche, dell’importanza di finanziare la ricerca sul cancro?