Mascarin: 'Crisi abitativa, problema reale'

Fano 14/01/2014 - Il contesto di crisi economica, occupazionale e sociale che investe il nostro Paese ha avuto e ha forti e negative ricadute anche nella nostra città e i numerosi tagli e le contestuali restrizioni di spesa imposti dai Governi nazionali agli Enti Locali hanno indebolito sempre di più i bilanci e le risorse a disposizione delle comunità locali.

I centri per l’impiego ci descrivono una situazione drammatica: nel 2013 sono oltre 7mila disoccupati a Fano. La disoccupazione e il fenomeno della precarietà nel mondo del lavoro - che ha colpito principalmente giovani coppie e famiglie economicamente stabili che per vari motivi hanno perso il lavoro – hanno reso per molti difficile se non impossibile il pagamento sia dell’affitto che del mutuo, precipitando tante e tanti in una situazione di morosità incolpevole. E a causa della crisi la nostra città si trova oggi, come tutte le realtà del territorio, a gestire una situazione di emergenza abitativa che richiede una riflessione ampia e partecipata.

Nel Consiglio comunale monografico dedicato proprio alla crisi abitativa, in programma per domani, proporrò con un ordine del giorno che Sindaco e Giunta comunale promuovano un tavolo di unità di crisi congiunto che coinvolga il Prefetto , il Questore, il Presidente del Tribunale e le associazioni degli inquilini con l’obiettivo di rinviare il più possibile gli sfratti, siano essi per finita locazione o per morosità incolpevole.

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale. Cosí recita la nostra Costituzione e le Istituzioni hanno il dovere di garantire questo elementare diritto: chi è in difficoltà si aspetta di ricevere dalla comunità solidarietà e non avvisi di sfratto.


da Samuele Mascarin
Consigliere comunale Sinistra Unita





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-01-2014 alle 16:20 sul giornale del 15 gennaio 2014 - 615 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, samuele mascarin, sfratto, sinistra unita, emergenza abitativa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/W5f