Mondolfo, Lucchetti sulla differenziata: 'Diotallevi di nuovo contro Marotta unita'

Massimiliano Lucchetti Fano 09/01/2014 - L'assessore all'ambiente del comune di Mondolfo risponde all'ultimo attacco della minoranza ed invita di nuovo i cittadini a far sempre meglio.

Dopo l'ultimo articolo riguardante il servizio di igiene urbana comparso sui giornali a firma del consigliere di minoranza Diotallevi, l'assessore all'ambiente del comune di Mondolfo Massimiliano Lucchetti, non attende per rispondere con dati alla mano a chi continua a demolire il lavoro fin’ora costruito con tanti sacrifici e richiama tutti ad una politica più costruttiva e propositiva e non solo polemica e denigratoria.

Lucchetti risponde a tono al consigliere Diotallevi: ''Sinceramente non mi capacito a cosa devono pensare gli abitanti di Marotta di Fano quando leggono gli articoli scritti dal consigliere Diotallevi, che è un grande sostenitore del referendum pro Marotta unita sotto il comune di Mondolfo. Questo consigliere chiede ad alcuni cittadini del comune di Fano di cambiare la residenza e spostarla nel comune di Mondolfo dove sempre, a detta di lui, non funziona niente e soprattutto il nuovo sistema di raccolta differenziata fa acqua da tutte le parti e dove i cittadini spendono molto per detto servizio. Io non sono un cittadino di Fano, ma a leggere queste considerazioni, difficilmente cambierei la mia residenza e rimmarrei sotto Fano. Questa situazione di per se assurda può essere effetto di due cause: o in realtà il consigliere di minoranza sotto sotto lavora a fianco del comitato Fano Unita o la situazione in cui versa il comune di Mondolfo non è quella che dipinge il consigliere in quanto il nuovo sistema di igiene urbana in un solo anno ha raggiunto una percentuale di raccolta differenziata ben del 75,40 % (i comuni sul litorale se la sognano) e le bollette che devono pagare i cittadini sono tra le più basse delle provincia. Per dare un piccolo esempio ma significativo per l'argomento trattato, ecco alcuni esempi: per un appartamento di 120 mq con 4 persone a Mondolfo si pagano 178,00 euro mentre a Fano 308,00 euro; per un negozio di 60 mq a Mondolfo si pagano 200,00 euro mentre a Fano 330,00 euro; per un capannone artigianale di 1.000 mq a Mondolfo si pagano 2.050,00 euro mentre a Fano 3.400 euro!

Lascio ai lettori le considerazioni del caso, sta di fatto che molti comuni hanno aumentato le bollette mentre a Mondolfo hanno avuto un sensibile ridimensionamento sia per le utenze domestiche che per le utenze non domestiche. Figurarsi che alcuni sindaci dei comuni della provincia ci hanno chiesto un incontro per capire come siamo riusciti a raggiungere questi risultati! Sono il primo a ribadire in ogni articolo che il servizio è da migliorare e soprattutto non è un sistema rigido, ma bensì è modificabile in funzione delle esigenze della cittadinanza. Adesso che abbiamo ben chiari e reali i dati di raccolta, possiamo mettere in campo le modifiche necessarie per migliorare il servizio stesso.

Concludo puntualizzando in merito ad alcune situazioni delicate: abbiamo già predisposto un servizio di raccolta degli sfalci e delle potature molto più efficace e capace di rispondere alle richieste in tempi brevi, non possiamo ancora introdurre di nuovo i cassonetti stradali in quanto diventerebbero, come succedeva prima, anche ricettori di indifferenziato. Lo stesso discorso vale anche per la raccolta dei pannolini, che come sappiamo finiscono nell'indifferenziato: se mettiamo dei bidoni di prossimità per i pannolini è come rimettere i bidoni dell'indifferenziato su strada, tale esperienza l'abbiamo già vissuta troppo a lungo. In merito al centro ambientale, comodo e apprezzato per gran parte dell'utenza, a breve vi sarà abbinato un “Centro del Riuso” che permetterà, utilizzando in parte il materiale della raccolta degli ingombranti, alle famiglie in difficoltà di recuperare gratuitamente mobili ed elettrodomestici ancora in buono stato. Con l'impegno di tutti potremo raggiungere a breve l'obbiettivo dell' 80% di raccolta differenziata che ci classificherebbe ai primi posti in Italia tra i comuni sopra i diecimila abitanti. Nel 2013 abbiamo raggiunto il 75,40%, l'obbiettivo è alla nostra portata, non facciamoci distrarre da chi vuol strumentalizzare la situazione politicamente, dobbiamo dimostrare assieme, come abbiamo fatto fino ad ora, che possiamo essere un Comune davvero di serie A.''


da Massimiliano Lucchetti
Assessore all'Ambiente Comune di Mondolfo





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-01-2014 alle 14:45 sul giornale del 10 gennaio 2014 - 1575 letture

In questo articolo si parla di raccolta differenziata, mondolfo, politica, marotta unita, massimiliano lucchetti, raccolta differenziata a mondolfo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/WRO


lorenzo

10 gennaio, 09:46
Sono un semplice cittadino di Mondolfo e devo dire che Lucchetti non ha centrato il problema.
Sta parlando da politico dando dimostrazione di quanto è stato bravo con percentuali di copertura e cifre di risparmio.
La vera domanda da fare è : I cittadini di Mondolfo sono soddisfatti della raccolta differenziata ? SI o NO. Ci potrebbe essere anche l'1% di copertura del territorio , ma deve essere efficiente e completa e quei cittadini che ne usufruiscono devono esserne soddisfatti.
Il mio consiglio è quello di stare più vicino ai cittadini e sentire i loro umori.
Provi qualche sabato mattina ad andare al centro raccolta di Mondolfo per vedere quanta gente si attrezza da sola , usando mezzi propri o in prestito per portare plastica dura, sfalci , olii esausti , ferro, elettrodomestici e quant'altro a proprie spese e con la propria fatica per disfarsi dei rifiuti che il servizio di raccolta differenziata non fa o fa a babbo morto ponendo vincoli impossibili (come le fascine per gli sfalci).
Provi a parlare con quei cittadini di Mondolfo il sabato mattina e le dica della copertura del 75,4% che arriverà all'80% e del risparmio rispetto a Fano per vedere cosa le rispondono.

Grillo Sparlante

10 gennaio, 13:04
Concordo pienamente con Lorenzo. Lucchetti anzichè dare risposte concrete alla gente pensa solo ad autoincensarsi. La raccolta differenziata nel comune di Mondolfo non funziona bene nonostante le buone percentuali, c'è ancora molto, ma veramente molto da rivedere, soprattutto nelle dimensioni dei contenitori e nella raccolta dei rifiuti ingombranti. E' mai possibile che la ditta appaltatrice non possieda un "ragno" per la raccolta dei rifiuti ingombranti e delle potature? Ci vuole molto a capire che i contenitori sono sottodimensionati rispetto alle esigenze? I contenitori del vetro non sono riusciti nemmeno ad accogliere tutte le bottiglie di spumante consumato il giorno di Natale. Che "c'azzecchi" poi l'unificazione di Marotta con la raccolta differenziata a Mondolfo lo sa solo l'assessore. Se una amministrazione non sa gestire il territorio si cambia nelle elezioni successive, nessuna carica è a vita o forse pensa l'assessore di essere "indispensabile" in eterno?