Mancinelli: 'Una scuola di bellezza, la scuola Montessori'

Franco Mancinelli 3' di lettura Fano 08/01/2014 - "Il sistema scolastico nazionale è giunto ad un punto di obsolescenza tale che non può più essere riformato con interventi settoriali come l’introduzione della tecnologia" scrive in una nota alla stampa l'Assessore Franco Mancinelli.


Era stato pensato e realizzato nella seconda metà dell’Ottocento per una società che doveva abbattere l’analfabetismo e preparare l’inserimento degli operai e dei quadri intermedi nel nascente mondo della fabbrica. Per quella società fondamentalmente autoritaria era funzionale un metodo autoritario. La scuola formava studenti a vari livelli in serie, senza curare la personalizzazione degli apprendimenti e la formazione di individualità; ciò avveniva solo nei licei e nelle università, ma per iniziativa personale e con lo studio delle lingue classiche. Il metodo era lo stesso, il trasferimento delle nozioni dai docenti ai discenti, ai quali si imponeva l’ascolto, seduti in silenzio.

Oggi, a più di un secolo di distanza, il sistema scolastico è rimasto praticamente immutato, ma gli studenti sono cambiati, la società è profondamente diversa. Se solo qualche decennio fa, la scuola era ancora la più importante agenzia di informazione e di formazione e cultura, oggi, dopo l’avvento della televisione e, soprattutto, dopo la rivoluzione informatica della rete, le informazioni a disposizione sono incommensurabilmente aumentate; mentre la scuola è tale e quale, soprattutto quella secondaria. Di qui il forte disagio avvertito in classe da studenti e insegnanti, il boicottaggio sotteso o scoperto, gli sms scambiati di continuo e le immagini che scorrono sugli smartphone e sui tablet, così poco consone alla situazione.
La società non ha più bisogno di una preparazione standardizzata, di donne e uomini livellati e soggiogati; le catene di montaggio sono state smantellate, il mercato del lavoro richiederà sempre più spiccate individualità, autonomia, capacità di lavoro in equipe, spirito di iniziativa, creatività. Un metodo che ha posto il problema della valorizzazione e cura delle propensioni individuali e dei talenti, della creatività, è quello montessoriano che proprio in questi ultimi tempi è tornato in auge. Maria Montessori, medico, filosofa, scienziata, pedagogista, aveva visto lontano, aveva intuito tra fine ‘800 e inizio ‘900 (era nata a Chiaravalle (AN) nel 1870) che la scuola al servizio del bambino, futuro cittadino, doveva seguire e guidare il suo desiderio di conoscenza, il suo spirito di avventura, la sua originalità, aiutando lo sviluppo di autonome personalità e la formazione di liberi cittadini educati alla pace, alla cooperazione, alla bellezza. Il motto del metodo montessoriano è “aiutami a fare da solo”.
E’ significativo che una petizione per l’apertura di una scuola dell’infanzia, “Casa dei bambini” ed una scuola primaria montessoriane ha spontaneamente ed in poco tempo raccolto più di 800 firme. La città di Fano ha una esercitata sensibilità verso il mondo dell’infanzia con il Labter Città dei bambini, ora, può riprendere il ruolo di guida riaprendo il dibattito sulla metodologia educativa; intanto, nel corso di quest’anno, ospiterà un corso di formazione per l’apprendimento del metodo montessoriano e si avvieranno le procedure per istituire una scuola dell’infanzia montessoriana (Casa dei bambini); una richiesta in tale senso è già stata formulata dal Consiglio d’Istituto della “Padalino”.
Per quanto mi riguarda è il completamento di un discorso tra etica, cultura, politica e pedagogia, iniziato con “la bellezza salverà il mondo”, passato attraverso la speranza de “la lunga estate degli anni’60”, i nuovi stili di vita, il progetto “Dimensione locale” orti di quartiere per tutte le famiglie, che trova, nei richiami espliciti alla bellezza di Maria Montessori, il giusto l’approdo.

da Franco Mancinelli
Assessore Politiche per l'Istruzione Comune di Fano
 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-01-2014 alle 19:34 sul giornale del 09 gennaio 2014 - 1635 letture

In questo articolo si parla di attualità, franco mancinelli, scuola montessori

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/WP8