Abbattimento delle barriere architettoniche: una promessa elettorale tradita

Barriere architettoniche 1' di lettura Fano 30/06/2013 - "Abbatteremo le barriere architettoniche in ogni quartiere di Fano": così recitava il volantino elettorale della maggioranza di Aguzzi. Dopo quasi 10 anni, possiamo ormai dire che questa promessa elettorale è stata completamente tradita.

L'ultima occasione persa è quella dell'Anfitetaro Rastatt: già due anni fa era stato fatto un sopralluogo per cercare di trovare una soluzione per chi, in carrozzella, non può scendere nella cavea e neppure vedere gli spettacoli dall'alto quando c'è tanta gente che riempie tutta la zona sopra la gradinata. L'anno scorso ci dissero che ormai non ce la facevano per quella estate, ma per la prossima sarebbe stata allestita una apposita area segnalata per terra e protetta da una balaustra. E' arrivata anche questa estate e nulla è stato fatto da questa giunta che ha promesso fatti e ha dato fregature in tutti i campi. A ricordare questa triste vicenda di inciviltà resta una strisca gialla per terra, segno inutile di un piccolo intervento che questa giunta non è stata capace di portare a compimento. L'ennesima incompiuta di una giunta incapace. Possiamo sperare in qualche risposta concreta da questa giunta?


da Luciano Benini e Alessandro Giommi
Consigliere comunale Bene Comune e Consigliere Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-06-2013 alle 13:33 sul giornale del 01 luglio 2013 - 681 letture

In questo articolo si parla di politica, barriere architettoniche, luciano benini, anfiteatro rastatt fano, Alessandro Giommi, Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/OSO





logoEV