Referendum 'Marotta unita', Confartigianato: 'La parola ai cittadini'

Confartigianato logo 1' di lettura Fano 24/01/2013 - In merito al referendum su “Marotta Unita” la Confartigianato ritiene che la parola debba essere data ai cittadini interessati, ovvero a quelli residenti a Marotta di Fano.

Come già avvenuto in altri casi i cittadini debbono poter decidere, liberamente, il proprio destino; non si comprende come alcuni autorevoli soggetti istituzionali, nonché esponenti politici locali tentino di negare alla gente di Marotta il diritto all’autodeterminazione. La Confartigianato, pertanto, si astiene volutamente dall’entrare nel merito della questione perché ritiene, appunto, che ogni decisione debba essere rimandata alla volontà degli elettori. In un momento di grave crisi economica come quello in atto, ormai, da diversi anni e di conseguente disagio sociale l’ultima cosa che le istituzioni ed i partiti debbono fare è quella di anteporre i propri interessi personali e di parte a quelli dei cittadini, cercando di condizionare l’esito del referendum e, addirittura, di evitarne il regolare svolgimento.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-01-2013 alle 12:46 sul giornale del 25 gennaio 2013 - 616 letture

In questo articolo si parla di confartigianato, fano, politica, marotta, referendum maorotta unita

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/IAI





logoEV