Fano avrà un rappresentante in parlamento: Lara Ricciatti ad un passo da Montecitorio

Parlamento Italiano 3' di lettura Fano 22/01/2013 - Sono stati chiusi lunedì sera alle 20 i termini per la presentazione delle liste per Camera e Senato. Con la legge elettorale attuale non sarà possibile esprimere il voto di preferenza e, sondaggi alla mano, non è difficile prevedere chi sarà eletto e chi no. Lara Ricciatti, 27 anni di Fano, ha messo una bella ipoteca su un seggio alla Camera dei Deputati. Improbabile, invece, l'elezione di Francesco Cavalieri, presidente del consiglio comunale di Fano.

I sondaggi disponibili assicurerebbero la vittoria alla coalizione di centrosinistra a livello nazionale, mentre nelle Marche il distacco tra la coalizione di centrosinistra - data per vincente - e quella di centrodestra si assesterebbe attorno ai 20 punti percentuali. Non è quindi difficile capire quanti seggi verranno assegnati ad ogni partito e, di conseguenza, capire chi verrà eletto in base alla posizione in lista.

Allo stato attuale delle cose il PD dovrebbe aggiudicarsi, nelle Marche, 5 senatori su 8. Gli altri 3 verrebbero divisi tra il Movimento 5 Stelle, il PDL e la lista di Mario Monti. Sel dovrebbe raggiungere l'8% per aggiudicarsi un senatore nelle Marche e, in tal caso, il PD si troverebbe con solo 4 seggi a Palazzo Madama.

Situazione più complicata per la Camera dei Deputati, dove il premio di maggioranza si basa su scala nazionale. I Deputati eletti nella circoscrizione Marche saranno 16, di cui il 55% andranno alla coalizione di maggioranza e il restante 45% saranno suddivisi tra i partiti di minoranza. Prendendo per buoni i sondaggi che danno la coalizione di centrosinistra in testa 8 Deputati su 16 andrebbero al PD ed 1 a SEL, non è comunque escluso che il partito di Vendola possa eleggere nelle Marche ben 2 deputati, lasciandone solo 7 al PD, è assolutamente improbabile - invece - che la coalizione guidata da Bersani possa arrivare ad eleggere 10 Deputati nelle Marche. I partiti di minoranza avrebbero quindi a disposizione 7 seggi: 1 di questi potrebbe andare al partito di Ingroia, anche se non è affatto scontato che riesca a superare lo sbarramento del 4%, 2 oppure 3 dovrebbero andare al PDL, 1 o 2 alle liste a sostegno di Monti e 1 o 2 al Movimento 5 Stelle. Soprattutto alla Camera dei Deputati il condizionale è d'obbligo per i partiti di minoranza.

Sfogliando le liste dei vari partiti spuntano diverse persone di Fano: ben 2 nelle liste del Movimento 5 Stelle, ma nessuno dei due ha reali speranze di essere eletto; poi c'è Francesco Cavalieri, presidente del Consiglio Comunale di Fano, nella lista di Fratelli d'Italia, ma anche per lui non c'è alcuna speranza di finire in parlamento; diversi altri i fanesi in lista, ma tutti con poche speranze di trovare posto in uno dei due rami del Parlamento.

La speranza di andare a Montecitorio è, invece, del tutto fondata per Lara Ricciatti - 27 anni, di Fano, segretaria provinciale di Sel - che è seconda nella lista di Sel. Prima di lei c'è Laura Boldrini che però è candidata anche in diverse altre circoscrizioni e non è eslcuso che potrebbe optare per essere eletta in Sicilia. Per la fanese Ricciatti, quindi, le probabilità di essere eletta sono molto alte soprattutto in caso di vittoria della coalizione del centrosinistra a livello nazionale.






Questo è un articolo pubblicato il 22-01-2013 alle 02:43 sul giornale del 23 gennaio 2013 - 3116 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fano, politica, Parlamento, news, alberto bartozzi, notizie fano, ultim'ora

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Ivc


Lara, mi raccomando: attenta ai gradini!