COSAP: la Confcommercio chiede alla Provincia di annullare i provvedimenti sanzionatori

Amerigo Varotti 1' di lettura Fano 21/01/2013 - Dopo le diverse prese di posizione (Baldelli e Savelli) e dopo l'intervento dell'Assessore Minardi (che ha tacciato di evasori i cittadini colpiti dall'azione provinciale), la Confcommercio di Pesaro e Urbino (Associazione che per prima ha affrontato con determinazione il problema delle oltre 500 sanzioni inviate dalla Provincia a circa 450 imprenditori per il canone di occupazione del suolo pubblico per i cartelli pubblicitari e la segnaletica), ha scritto al Presidente Matteo Ricci per chiedere l'annullamento dei provvedimenti sanzionatori.

"Riteniamo necessario - ha scritto il Direttore AMERIGO VAROTTI - un atto della Provincia che revochi le iniziative sanzionatorie che, tramite la Duomo, la Provincia ha messo in atto. E' ormai evidente che il regolamento approvato dalla Provincia non è conforme alle disposizioni di legge (ad esempio, non c'è alcuna differenziazione del canone per tipologia di attività e segnaletica) e che la retroattività quinquennale delle sanzioni è stata applicata a tutte le imprese indipendentemente dall'anno di effettiva installazione della segnaletica".

"Inoltre nessuna Ditta ha mai ricevuto dalla Provincia diffide a rimuovere i cartelli o regolarizzare la propria posizione come invece prevede la legge. La quasi totalità degli interessati ritenevano di essere in regola (non sono evasori!) con il pagamento delle tasse ai Comuni e le sanzioni (oltre il 400%) sono assolutamente inaccettabili. Per questo - conclude Varotti - riteniamo che la Provincia debba revocare le iniziative adottate e consentire alle imprese di regolarizzare le loro posizioni senza alcuna sanzione".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-01-2013 alle 15:45 sul giornale del 22 gennaio 2013 - 621 letture

In questo articolo si parla di attualità, confcommercio, pesaro, provincia di pesaro e urbino, Confcommercio Pesaro ed Urbino, amerigo varotti, notizie pesaro, cosap, vivere psaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/IsV