Carri e mascherate: ce n'è per tutti i gusti e i colori al Carnevale di Fano 2013

Carnevale di Fano Fano 18/01/2013 - Il bene e il male, la politica e l'antipolitica, una vedova nera con la sua insidiosa trappola mediatica, Barbapapà, libri magici e fiabe marine. Viale Gramsci di Fano si colorerà della fantasia e della satira dei maestri della cartapesta in occasione delle sfilate di domenica 27 gennaio, 3 e 10 febbraio, dalle ore 15, del “Carnevale di Fano”.

Quattro i carri che sfileranno durante l’edizione 2013 del Carnevale di Fano. Due nuovi e mai visti prima “Non c’è più religione” e “Sull’onda dell’antipolitica”, uno riproposto “La Vedova Nera” e quello completamente rivisitato de “La Magia… la politica spazza via”. Insieme ai carri il pubblico del Carnevale potrà gustarsi anche le scenografiche mascherate realizzate da diverse associazioni fanesi.

I CARRI

Non c’è più religione: di Luca Vassilich e Matteo Angherà - Associazione Carristi Fanesi
Un pittore di un’epoca non definita raffigura in un quadro quello che i suoi occhi vedono della civiltà moderna. Ritrae un aspetto dell’umanità in cui la morale e l’etica tradizionale sembrano aver perso i confini, non esiste più una netta distinzione tra i valori; il bene e il male si confondono; tutto è rovesciato e caotico: l’inferno e il paradiso sono animati dalle figure simboliche degli angeli e dei diavoli che da sempre rappresentano il bene e il male. Ma c’è qualche cosa di strano: gli angeli cavalcano dei terribili serpenti, animali prediletti dal maligno, e non rappresentano più l’armoniosa purezza dell’anima, ma, in una visione completamente capovolta, trafiggono con i loro strumenti di tortura i simboli caratteristici della giustizia, della pace e dell’umanità stessa. Di conseguenza i diavoli che popolano il paradiso sono rappresentati in un atteggiamento di beatitudine e di adorazione: sembrano anime pure mai appartenute all’inferno. In alto, sullo sfondo di una gigantesca ruota di luce divina si stagliano le due figure dell’angelo e del diavolo che si uniscono in un abbraccio che suggella il definitivo superamento della distinzione tra il bene e il male. L’immagine potrebbe sembrare paradossale ma ormai non ci resta altro che prendere atto che “non c’è più religione”.

Sull’onda dell’antipolitica: di Ruben Eugenio Mariotti
La politica aggressiva del comico di turno, Beppe Grillo, riempie ormai le pagine dei più importanti quotidiani politici nazionali ed internazionali. Il suo canotto naviga sicuro sulle onde dei consensi dell’opinione pubblica che continuano sorprendentemente ad aumentare. Tutto ciò preoccupa notevolmente i leaders della politica italiana che non trovano armi efficaci per arginare questa forza così impetuosa che travolge tutto e che affoga negli scandali e nelle accuse i personaggi più deboli e meno protetti. Ma la casta dei più potenti non si arrende, si spoglia... di tutti i suoi privilegi..., indossa dei semplici bermuda e salta sulla tavola per cavalcare l’onda dell’antipolitica. Riusciranno anche questa volta a rimanere a galla? O rimarranno intrappolati tra le maglie fitte della rete che l’astuto comico ha preparato per loro?

La Vedova Nera: di Luca Vassilich e Matteo Angherà - Associazione Carristi Fanesi
La vedova nera, il terribile ragno che approfitta del maschio per poi divorarlo avidamente, ha tessuto la sua insidiosa ragnatela mediatica ed è riuscita ad intrappolare la classe politica sfruttando gli scandali legati alle loro debolezze ed ai loro “vizietti”. Il malcapitato personaggio istituzionale di turno è ormai diventato un “burattino” senza personalità e senza una volontà precisa: la vedova nera controlla i suoi movimenti, tira o allenta i fili obbligandolo ad agire come vuole lei. Le lucciole, sue complici, attirano la vittima nella ragnatela con le loro proposte luminose ed accattivanti e l’offrono in pasto alla loro inquietante padrona.

La Magia… la politica spazza via: di Paolo Furlani
Carro allegorico che vuole rappresentare in chiave satirica come cambiano in fretta gli eventi politici. Un grande mago (che rappresenta la crisi economica, la corruzione politica, lo spread o più semplicemente le prossime elezioni) grazie ad alchimie e magie modifica radicalmente la situazione politica internazionale. Ed ecco che i nostri politici cercano di evitare i sortilegi del Grande Mago, Mario Monti, situato al centro, che in sella ad un missile si accinge a fuggire dagli incantesimi del grande stregone. Al suo fianco ci sono Angela Merkel e Silvio Berlusconi che accompagno il premier cercando di salvarsi dalle magie scaccia politici. Ma non tutti riescono ed evitare di essere colpiti dalle illusioni del Grande Mago, ed in disparte ci sono Nicolas Sarkozy ed Umberto Bossi ormai raggiunti dalla magia spazza politici.

LE MASCHERATE

La Magia di un libro: della associazione culturale Gommapiuma X Caso di Fano
Quando si legge un libro, è uso comune definire la trama con il termine “la magia di un libro”. In questa mascherata il libro diventa davvero magico, il volume si anima e prende vita, e dal libro escono i protagonisti del racconto e che sfondando le pagine prendono vita. Quindi da un libro di storia vediamo uscire un perfetto legionario romano, e così dagli altri libri: il libro di cucina da vita ad un cuoco, il libro di pittura ad un pittore e le sue tele, dal libro di favole alcuni dei personaggi più caratteristici della narrativa per bambini; e così tutti gli altri libri che compongono il complesso mascherato. Le lettere che compongono l’alfabeto danzano felici attorno al bambino che entusiasta è alle prese con un nuovo metodo di consultare il libro.

La famiglia dei Barbapapà: dell'associazione Laboratorio Geniale di Fano
La mascherata raffigura i personaggi del cartone animato ritornato di moda dopo tanti anni. Con un barba trucco ecco che vengono rappresentati Barbapapà e Barbamamma ed i loro piccoli Barbabella, Barbalalla, Barbottina, Barbaforte, barba barba. Barbazoo, Barbabravo e il cane Lolita.

Amici per le pinne: dell'associazione Oratorio “La Stazione” di Cuccurano
Il tema della sfilata sarà quello delle fiabe marine, perché Fano è bandiera blu e anche perché a Fano c’è il mare… e che mare! Protagonisti della sfilata sono tantissimi pesci: squali, meduse, pesci del mar rosso, tartarughe, senza dimenticare Shark e Nemo. Il titolo della sfilata è "Amici per le pinne", siamo tutti amici, anche se diversi (viene ripreso il tema della diversità, pesci differenti, ma pur sempre amici, sfilano insieme). Dai cartoni alla realtà, un mare di amici!








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-01-2013 alle 11:25 sul giornale del 19 gennaio 2013 - 2087 letture

In questo articolo si parla di fano, carnevale, spettacoli, sfilata, carnevale di fano, carri, mascherate

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ImX





logoEV