Anniversario nascita Borsellino: anche a Fano incontro delle Agende Rosse sulla Mafia

Falcone e Borsellino, vittime stragi di mafia Fano 12/01/2013 - Nella ricorrenza della nascita del giudice Paolo Borsellino, nato a Palermo il 19 gennaio 1940, il Mov. Agende Rosse della prov. di Pesaro-Urbino dedica al tema della Mafia una serie di incontri.

Il primo, dal titolo "INFILTRAZIONI MAFIOSE NELLE MARCHE" si svolgerà ad a Orciano di Pesaro il 18 gennaio alle 21.00 presso l’ Auditorium S.Caterina ed è organizzato insieme all’ass. LUTVA, e prende spunto dal clamore suscitato dagli indagati eccellenti a Pesaro nell’ambito dell’operazione Vulcano, fra cui un notaio, un commercialista e un direttore di banca.

Ne parleremo con due giornalisti esperti nel settore: Pino Finocchiaro, redattore, conduttore e inviato di Rai news 24, col suo ultimo libro, Mafia grigia, ci consegna un’indagine sulla cupola dei cosiddetti “colletti bianchi”, politici, imprenditori e professionisti insospettabili, invischiati in un abbraccio mortale con la mafia; e David Oddone, che dal 2006 lavora a San Marino per L’informazione di San Marino; oggetto di intimidazioni anonime per essersi occupato di criminalità, infiltrazioni mafiose e reati finanziari, e a seguito della sua partecipazione alle trasmissioni televisive Ballarò ed Exit, ha ricevuto, per la seconda volta in pochi anni, addirittura una minaccia di morte. Con questi due giornalisti con "la schiena diritta" cercheremo di capire come fa un'organizzazione criminale a infiltrarsi in un territorio "sano" ( o che sano sembrava...), e, soprattutto, PERCHE' dei seri e affermati professionisti ( se quanto riportato dall'ordinanza di custodia cautelare in carcere della DDA di Bologna risulterà vero) si prestano a farsi "usare" dalla camorra.

Il giorno dopo, sabato 19 gennaio, saremo al Campus Falcone e Borsellino per incontrare 650 studenti del liceo scientifico Torelli, del liceo artistico Apolloni e dell’istituto tecnico Battisti (il dir. scol. del Nolfi non ha voluto partecipare): tema dell'incontro "Vivere per la Legalità" e gli ospiti saranno il giudice Daniele Paci, da Palermo, che in passato si è occupato di casi scottanti come quello della "Uno bianca"; Giuseppe "Pippo" Giordano, ex ispettore della Squadra Mobile di Palermo negli anni dal 1981 all'85, che collaborò con i commissari Beppe Montana e Ninni Cassarà, e col giudice Giovanni Falcone, e successivamente come ispettore della Direzione Investigativa Antimafia nel '91-'92 collaborò col giudice Paolo Borsellino; e il giornalista Pino Finocchiaro, di Rai News 24.

Al pomeriggio, in Urbino il Mov. Agende Rosse locale ha organizzato un incontro alle 16,30 presso la Sala Serpieri - Collegio Raffaello in Piazza della Repubblica, e per commemorare la figura del magistrato morto nella strage di via D'Amelio il 19 luglio 1992 con la sua scorta hanno invitato quattro personaggi di prestigio, e cioè: Piergiorgio Morosini, giudice al Tribunale di Palermo, ma originario di Cattolica come il suo concittadino Alessandro Bondi, che di Cattolica è vice-sindaco e insegna Diritto Penale presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell'ateneo urbinate; poi ci sarà Giuseppe "Pippo" Giordano, ex ispettore della Squadra Mobile di Palermo negli anni '81-'85, collaborò con Giovanni Falcone insieme ai commissari Beppe Montana e Ninni Cassarà, e autore del libro "Il sopravvissuto", e il giornalista di RaiNews24 Pino Finocchiaro, autore di "Mafia grigia". Titolo dell'incontro "Mafia e antimafia - da Paolo Borsellino ai giorni nostri", perché insieme agli ospiti ripercorreremo questi venti anni in cui lo Stato ha controbattuto la mafia "militare" ma non ha saputo altrettanto bene porre un argine a quella degli affari, quella dei colletti bianchi e delle S.P.A. quotate in borsa ma infiltrate da Cosa nostra: Giovanni Falcone in tempi non sospetti aveva dichiarato che la mafia uccide a Palermo ma investe a Milano, e guardando a ritroso bisogna dire che essa ha smesso - quasi - di ammazzare ma si è rafforzata sull'altro versante.


da Ettore Marini
Coordinatore Movimento Agende Rosse di Pesaro e Urbino




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-01-2013 alle 12:20 sul giornale del 14 gennaio 2013 - 1516 letture

In questo articolo si parla di cultura, mafia, Ettore Marini, Movimento Agende Rosse, agende rosse pesaro ed urbino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/H9T


francesco bari

28 luglio, 19:04
questi erano Magistrati degni della loro funzione non alcuni poveretti e frustrati (per fortuna pochi) che utilizzano il potere in modo distorto distorcendo la ratio e la funzione delle norme giuridiche...