Enrico Tosi sul degrado del centro storico: 'Occorre restituire bellezza e dignità alla città'

Degrado del centro storico fanese Fano 08/01/2013 - Ha ragione a lamentarsi l’associazione Amare Fano per il degrado in cui versa il centro storico di Fano. A provocarlo, oltre al parcheggio selvaggio, c’è anche un arredo urbano di tipo “casual”.

Forse il massimo si raggiunge a piazza Costanzi dove, a causa del disinteresse e dell’abbandono, nel corso degli anni si è accumulato di tutto e di più: dalla fioriera evidentemente molto appezzata dai cani a quella diventata porta cicche; da quella in cemento a quella in plastica; dai paletti danneggiati o con catena arrugginita a espositori per la pubblicità; dai dissuasori di sosta (inutili) a forma di cubo a quelli cilindrici ecc., in una sorta di gara tra pubblico e privato a chi fa peggio.

E così la piazza, gradualmente, è diventata una vera e propria “mostra degli orrori” a cui, purtroppo, si è fatta l’abitudine. Per restituire bellezza e dignità a piazza Costanzi, degli amministratori sensibili e autorevoli dovrebbero fare subito due cose, entrambe a costo zero: 1) togliere tutto e fare letteralmente “piazza pulita”; 2) far rispettare le regole della ZTL. Ma, visto l’andazzo, c’è poco da sperare!








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-01-2013 alle 18:49 sul giornale del 09 gennaio 2013 - 1744 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, centro storico, degrado, Enrico Tosi, piazza Costanzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/H1i


Piazza Costanzi, dice?
Ma è tutta Fano da "rivedere". Basta con la politica del carciofo: il ponticello, le fioriere, la catenella... E via elencando! Ci vorrebbe ben altro per fermare il degrado!




logoEV