Mondolfo: Consiglio Comunale straordinario sulla raccolta differenziata

07/01/2013 - Entro pochi giorni ci sarà un Consiglio Comunale straordinario sulla disastrosa partenza del servizio di raccolta differenziata, lo richiedono in modo trasversale Idv, lista civica “Per Cambiare” e gruppo misto. I 6 consiglieri comunali lo hanno annunciato nel corso di una conferenza stampa unitaria tenutasi stamane a Villa Valentina.

Siamo fermamente convinti dell'importanza della raccolta differenziata che riteniamo un passaggio fondamentale e necessario per il bene del nostro Comune, un salto di qualità e di civiltà, lo chiediamo con forza da tempo. In questi giorni, come cittadini abbiamo collaborato ad una buona riuscita del passaggio, informando, recandoci al centro di raccolta per il ritiro dei contenitori, ma come consiglieri non possiamo che chiedere un approfondimento su quanto accaduto in questi giorni. Una disorganizzazione che ha creato molti problemi ai cittadini (ancora oggi non risolti) e ripercussioni negative anche per l’Ente, che ci preoccupano molto per il futuro del servizio. Vecchi bidoni ritirati prima della consegna dei nuovi, ritardi e disinformazione assoluta il tutto fatto in fretta e furia in soli 15 giorni. Così i cittadini si sono trovati in questi giorni nell’impossibilità oggettiva di gettare l’immondizia e in molti punti si sono creati degli accumuli di rifiuti vicino alle poche isole ecologiche.
Coloro che si sono recati al centro di raccolta per ritirare i bidoni si sono trovati di fronte a file chilometriche e attese di quasi 2 ore mentre questi dovevano essere consegnati a domicilio.

Inoltre vi sono altri problemi: ad esempio, non sono stati previsti i bidoni per i pannolini che i cittadini dovranno tenere insieme alla indifferenziata e per le zone al di fuori dei centri abitati non verrà fatto il ritiro dell’umido a domicilio ma saranno consegnati solo dei “composter” che andrebbero invece affiancati alla raccolta di prossimità e non in sostituzione a questa. Altra cosa importante da valutare è la congruità, in termini numerici, del personale e dei mezzi della ditta per la corretta gestione del servizio.

Dopo un anno e mezzo di ritardi, inclusa anche la “costosa” proroga di 3 mesi del servizio chiesti ad ASET, crediamo che alla cittadinanza e al Consiglio vadano date delle spiegazioni. Chiediamo quindi, una relazione dettagliata per appurare le cause e valutare le responsabilità dei disagi, oltre a chiedere conto del danno economico causato. Nel corso del Consiglio, la giunta dovrà chiarire tutti questi aspetti e le responsabilità dopodiché se lo riterremo opportuno, presenteremo un ordine del giorno per chiedere al sindaco di revocare la delega all'ambiente all'assessore Lucchetti visti i ritardi, i ricorsi ed i disagi che si sono verificati nel gestire un settore fondamentale come quello a lui assegnato.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-01-2013 alle 18:28 sul giornale del 08 gennaio 2013 - 750 letture

In questo articolo si parla di attualità, idv, uniti per cambiare

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/HXC