Fusione Aset spa - Aset Holding spa, parla 'Acqua Bene Comune'

2' di lettura Fano 27/10/2012 - Il Coordinamento provinciale Acqua Bene Comune ritiene che il progetto di fusione tra Aset spa ed Aset Holding spa, recentemente approvato dalla Giunta comunale di Fano, costituisca un'occasione importante per modificare l'attuale gestione del servizio idrico integrato.

Infatti al momento non è stata ancora decisa la forma giuridica della futura azienda unificata e per questa ragione il Coordinamento chiede all’Amministrazione comunale di Fano di valutare la possibilità di trasformare le due attuali società per azioni in un'unica azienda speciale, soggetto di diritto pubblico rispondente alla volontà popolare espressa tramite i referendum del giugno 2011 e a garantire la maggior tutela del pubblico interesse.

Il Coordinamento provinciale Acqua Bene Comune ha spiegato più volte che le società per azioni (come Aset spa ed Aset Holding spa) per la loro stessa natura giuridica che prevede la produzione di utili da distribuire tra i soci ogni anno, non appaiono idonee a garantire la gestione pubblica dell’acqua richiesta dall’esito del referendum che, come è noto, ha escluso la remunerazione dei capitali investiti. D'altronde anche esperti della materia hanno rilevato una sostanziale incompatibilità tra le società per azioni e la gestione in house del servizio pubblico locale. Tale gestione è infatti ammissibile solo se ci sono 3 requisiti: intera proprietà pubblica, 80% dell'attività svolta per l'Ente affidante e controllo analogo a esercitato dall’Ente sui propri servizi, ma quest’ultimo importante requisito è di difficile realizzazione in quanto gli strumenti ordinari del diritto privato (al quale devono sottostare tutte le spa) consentono ai soci una partecipazione limitata. Infine le s.p.a. non garantiscono sufficiente trasparenza per una gestione davvero partecipata del servizio idrico.

Il Coordinamento auspica inoltre che l'attuale processo di trasformazione della gestione del servizio idrico riduca i costi di funzionamento dovuti alla diminuzione del numero di amministratori, revisori e dei dirigenti, semplifichi il controllo da parte dei Comuni sulla gestione del nuovo soggetto giuridico, in particolare sul processo di progettazione e di realizzazione delle opere (piano degli investimenti) e infine sospenda in forma definitiva le procedure di alienazione del Servizio di igiene ambientale.


da Fernanda Marotti

Portavoce Comitato Acqua Bene Comune Fano





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-10-2012 alle 17:29 sul giornale del 29 ottobre 2012 - 1291 letture

In questo articolo si parla di politica, acqua, aset holding, Coordinamento Acqua Bene Comune, Fernanda Marotti, Coordinamento provinciale Acqua Bene Comune, Aset holding spa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Fq4





logoEV