Lega Pro, l'Alma perde anche contro il Renate e sprofonda in classifica

4' di lettura Fano 21/10/2012 - L'Alma sempre più giù in classifica perde anche il match casalingo contro il Renate - dopo la pesante sconfitta inferta dal Castiglione lo scorso fine settimana - che si è giocato domenica allo stadio R. Mancini in occasione della settima giornata di campionato.

Mister Lazzaro Gaudenzi schiera un 4-4-2 con Beni tra i pali, Amaranti e Colombaretti esterni di difesa con la coppia Boccaccini-Romito centrali, a centrocampo Piccoli e Urso sulle fasce con Evangelisti e Cazzola e la coppia d'attacco Fabbro-Marolda. I granata sembrano scendere in campo armati di buoni propositi ma al 9' arriva la stangata da parte della formazione ospite con il gol, seppur fortunoso, del bomber Brighenti che si destreggia in area e con un colpo di tacco si aggiusta il pallone sul destro e insacca sul secondo palo a discapito di Beni. Il gol del vantaggio sembra produrre un effetto soporifero sui padroni di casa che subiscono il gioco avversario nella prima mezz'ora. Al 12' Colombaretti prova a dare uno scossone alla squadra e dopo aver dribblato la difesa crossa in mezzo ma gli attaccanti granata non agganciano. Botta e risposta del Renate con Brighenti che su calcio d'angolo sfiora la doppietta con un colpo di testa che finisce di poco fuori. Le due squadre lottano a centrocampo ma il Fano fa fatica a costruire l'azione e viene spesso schiacciata dietro la linea della trequarti.

Al 23' Brighenti prima cerca di sorprendere con un tiro dalla distanza ma Beni blocca senza troppi problemi e Zanetti poi tenta la conclusione personale ma il tiro è debole e finisce tra le braccia del portiere. Tempo 60 secondi e il Renate mette a segno il 2-0 su errore dei granata che perdono palla in zona offensiva favorendo il contropiede degli avversari: Zanetti serve Gualdi in area che non sbaglia e marca la rete del raddoppio. Alla mezz'ora sono di nuovo gli ospiti a rendersi pericolosi con un tiro da fuori area di Zanetti che Beni devia in angolo. L'Alma cerca il pareggio nell'ultima frazione di gioco con Allegretti che,dopo essere subentrato al difensore Evangelisti, fischiato non poco dagli spalti, prova l'affondo con un tiro impreciso che non inquadra la porta. Subito dopo è capitan Amaranti che serve Marolda in area ma l'attaccante calcia alto sopra la traversa. Al 39' Urso salta Mantovani e crossa in area dove Marolda viene atterrato ma il direttore di gara lo punisce con un cartellino giallo per simulazione e al 45' Fabbro calcia in porta su assist di Amaranti ma il tiro si spegne sul fondo. Il primo tempo si conclude con una punizione a favore del Renate calciata direttamente in porta che Beni stoppa in due tempi.

Come nei primi 45', anche nella ripresa il Renate trova il gol a soli 8 minuti dal fischio d'avvio con i lombardi che scattano in contropiede e mandano a segno il numero 8 Mantovani che infligge il pesante 3-0 ai padroni di casa. A questo punto Gaudenzi toglie Fabbro e mette dentro Forabosco e al 55' i fanesi vanno finalmente a segno con Marolda che calcia al volo e spiazza il portiere ospite. Da qui in poi inizia l'assedio granata con i nerazzurri che solamente in sporadiche occasioni si affacciano dalle parti di Beni. Al 63' Allegretti prova la conclusione personale ma viene respinto dall'intervento di Santurro e poco dopo il Fano guadagna una punizione dal limite: Cazzola crossa in mezzo e Colombaretti viene atterrato in area ma secondo l'arbitro non c'è fallo. Al 70' ci prova Amaranti da calcio piazzato ma il tiro è debole e il portiere ospite blocca senza problemi.

Al 72' i granata accorciano le distanze con Piccoli che approfittando di un errore degli avversari mira dalla distanza l'angolo basso e insacca in porta con un potente rasoterra. L'Alma prende in mano le redini del gioco nel finale e nonostante i numerosi falli subiti rimane in 10 per l'espulsione di Boccaccini per protesta in seguito a un fallo commesso dal difensore granata. Al 46' Beni rischia grosso con uno stop di petto che finisce proprio sui piedi dell'avversario che non ci pensa due volte e calcia in porta ma il portiere granata para in extremis. La reazione dei fanesi arriva troppo tardi dopo un primo tempo in cui i padroni di casa hanno subìto passivamente il gioco del Renate che si aggiudica i tre punti e lascia a bocca asciutta il Fano, ancora alla ricerca della prima vittoria stagionale. Ora resta da capire se la panchina granata, già in bilico dopo la sconfitta di domenica scorsa contro il Castiglione, reggerà anche alla terza sconfitta consecutiva e quindi se Gaudenzi verrà nuovamente riconfermato alla guida della squadra oppure no.















Questo è un articolo pubblicato il 21-10-2012 alle 19:51 sul giornale del 22 ottobre 2012 - 322 letture

In questo articolo si parla di sport, Giulia Ciuccoli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/FcB





logoEV