Ospedale unico 'Marche nord', Severi: 'progetto irreversibile'

riccardo severi 2' di lettura Fano 19/10/2012 - "Il processo di razionalizzazione del servizio sanitario, iniziato con la creazione dell'azienda Marche Nord è irreversibile e coloro che si ostinano in atteggiamenti ostativi o che ritornano sui propri passi per oscure ragioni di partito o elettoralistiche, manifestano debolezza e si pongono fuori dalle logiche di progresso" dichiara l'Assessore ai lavori pubblici del Comune di Fano.

La sanità pubblica rappresenta la principale voce di spesa del bilancio di ogni regione e la volontà politica del governo nazionale di rimediare al dissesto finanziario, anche con il taglio (criticabile) alla spesa per la salute, richiede il cambiamento del modello di spesa, per continuare a garantire quel livello qualitativo che conosciamo nei nostri ospedali.

Il progetto voluto dalla regione con l'azienda Marche Nord, peraltro virtuosa sul versante della spesa sanitaria nel panorama nazionale, va in questa direzione: di una sanità funzionale e soprattutto vicina alle esigenze vere dei cittadini. Occorre partire dalla crisi e rilanciare la progettualità; se la costruzione dell'ospedale unico, a causa della crisi, non è più possibile, non significa che fosse una mera operazione immobiliare, come banalizzano i detrattori della riforma, e resta il nuovo modello di sanità orientato all'integrazione funzionale dei servizi tra Fano e Pesaro e l'entroterra. Ciò non indebolisce le varie unità ospedaliere, ma le ottimizza mettendole in rete e valorizza anche il ruolo dei medici di base.

Questo processo richiede una costante e fattiva presenza della politica, come sino ad ora è stato, per garantirne la corretta esecuzione ed impedire che i partner più deboli (Fano e l'entroterra) subiscano ingerenze devianti. Tirarsi fuori e cantare vittoria per la fine, per ora, dell'ospedale unico, significa non aver inteso o fare finta di non aver inteso che l'operazione di razionalizzazione va avanti e che occorre continuare a sostenerla.


 da Riccardo Severi
 Assessore ai Lavori Pubblici, Arredo Urbano, Protezione Civile del Comune di Fano





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-10-2012 alle 15:33 sul giornale del 20 ottobre 2012 - 1392 letture

In questo articolo si parla di fano, politica, stefano aguzzi, la tua fano, riccardo severi, ospedale unico marche nord

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/E9S


Assessore, ma siamo proprio sicuri che l'Ospedale Unico stia dentro le "logiche di progresso"? Non le pare che qualche dubbio in merito sia quasi doveroso?

Riccardo Severi

20 ottobre, 14:31
La vera riforma e' nel progetto di integrazione tra le due strutture ospedaliere e nell'organizzazione funzionale dell'area vasta (il contenuto); l'ospedale unico (il contenitore), rappresenta l'aspetto secondario di tutto il processo. Coloro che puntano al fallimento della riforma, mettono in evidenza solo l'aspetto immobiliare, tacendo i veri motivi (anche condivisibili) che sono alla base della riforma: il contenimento della spesa sanitaria e le drastiche riduzioni di fondi nei bilanci regionali.




logoEV