Fondazione Teatro, Giuseppe De Leo: 'In forse alcuni titoli del Fortuna opera festival'

Giuseppe De Leo 3' di lettura Fano 19/10/2012 - Giovedì 18 ottobre durante la Commissione di Garanzia e Controllo, il Presidente della Fondazione Teatro, Giuseppe De Leo, alla presenza dell'Assessore alla Cultura del Comune di Fano, Maria Antonia Cuccuzza, ha chiarito alcuni punti rimasti in sospeso.

"Come sappiamo, la Fondazione Teatro agisce attraverso delle direttive per conto comunale e si occupa principalmente di prosa, lirica e sinfonica. Lo scorso anno abbiamo registrato un notevole incremento d'incassi con una media di 540 spettatori e 556 abbonamenti. Per quest'anno le previsioni sono alquanto positive, già abbiamo sottoscritto 637 abbonamenti".

"La stagione di prosa inizierà il 30 e 31 ottobre con Stefano Accordi e sono in programma 7 spettacoli. Rinnovata la collaborazione con Amat e con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Fano insieme a cui verrà portato in scena il 14 e 15 novembre Agamennone di Eschilo. L'anno scorso invece fu la volta di Salomè di Oscar Wilde" spiega De Leo. "Saranno coinvolti anche tanti studenti, è prevista la partecipazione di scuole non solo fanesi ma anche da Pesaro e Rimini" precisa Cuccuzza.

"Per quanto riguarda l'opera e la sinfonica sono confermati i Concerti di Mezzogiorno insieme all'Associazione Amici del Teatro della Fortuna, il Teatro Ragazzi, Fuoriclasse e la collaborazione con l'Orchestra Sinfonica G. Rossini" - continua De Leo - "Ci è stato rimproverato di non avere un'identità ben precisa, per questo è nato il Fortuna Opera Festival che comprenderà opere e concerti importanti e dovrebbe iniziare il 1° gennaio 2013 con il Concerto di Capodanno, per proseguire dal 18 al 20 gennaio con il Don Giovanni di Mozart ed il Falstaff di Verdi, in forse invece il Simon Boccanegra che, per motivi economici, potrebbe lasciare il posto al meno costoso Flauto Magico di Mozart".

"La legge di stabilità approvata dal Governo porterà un ulteriore e pesantissimo taglio di 2 milioni di euro al Comune che ci aveva già chiesto di ridurre al massimo le spese, vincolate dal contratto di servizio, così abbiamo fatto: 700.000 euro è la somma da corrispondere alla Fondazione Teatro per la prossima stagione, rispetto agli 830.000 euro dello scorso anno. Più di questo non posso fare" dichiara il Presidente De Leo.

"Abbiamo ridotto tutti i cachet, non è stato un taglio lineare ma in proporzione, per non penalizzare le categorie più deboli. Il bilancio complessivo della Fondazione resta coperto anche da soci, sponsor e altri servizi. Stiamo attivando le procedure per accedere ai contributi della Regione e del Ministero. Inoltre, abbiamo ripreso i rapporti con la Camera di Commercio e con la Provincia di Pesaro Urbino, grazie al Vicepresidente Davide Rossi, che contribuirà a sostenere le iniziative promosse dal Teatro della Fortuna di Fano. Anticipo che nascerà la "Fortuna Card" per gli Amici della Fortuna che consentirà di avere accesso al festival con sconti e riduzioni" conclude De Leo.

Infine, Maria Antonia Cuccuzza precisa che: "Verso la fine dell'anno, presenterò la programmazione preventiva di cultura e turismo per il 2013, in modo tale che il bilancio sarà fatto su tale progetto, senza un centesimo in più o in meno".






Questo è un articolo pubblicato il 19-10-2012 alle 15:31 sul giornale del 20 ottobre 2012 - 873 letture

In questo articolo si parla di cultura, fano, teatro della fortuna, giuseppe de leo, fondazione teatro, Sabrina Giovanelli, maria antonia cuccuzza, Fortuna opera festival, Commissione Garanzia e Controllo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/E9Q





logoEV