Aeroporto di Fano: tra crisi e rilancio, ecco le posizioni in campo

3' di lettura Fano 19/10/2012 - Continua senza sosta la bagarre sul caso Aeroporto di Fano. Nuovi interrogativi stanno infatti via via emergendo, soprattutto dopo l'audizione di Fanum Fortunae avvenuta martedì 16 scorso davanti alla Commissione Garanzia e Controllo del Comune di Fano.

Esistono valide probabilità che l'aeroporto di Fano possa rinascere dalla 'sue ceneri' come l'Araba Fenice, o visto il periodo di estrema crisi che sta attraversando l'intera Penisola, è giusto e realistico pensare che del progetto, almeno per ora, non se ne faccia proprio nulla?

I dubbi nascono su vari fronti.
Innanzitutto c'è la questione bilancio: il bilancio della società aeroportuale sarebbe ora in attivo, dopo ben due anni di perdite.
Si parla di circa 64 mila euro, utili soprattutto per ristrutturare l'edificio che ora ospita il bar-ristorante, e di cui fanno parte i 21 mila provenienti da finanziamenti europei destinati alla produzione agricola di particolari piante a basso fusto: quindi non si parla di soldi derivanti propriamente dalla vendita dei prodotti dei campi agricoli coltivati in collaborazione con la Cooperativa Falcineto...
Interessante il parere a tal proposito di Ermanno Cavallini, Presidente dell'associazione Il Gabbiano: "Il fatto che su un bilancio di circa 60.000 euro, oltre 20.000 derivano, attenzione, non da produzione agricola ma da sovvenzioni europee in ambito agricolo, la dice lunga sulla situazione reale.
Anche i nuovi dipendenti che la società di gestione intende assumere, porteranno ad un aggravio di bilancio insostenibile in mancanza di un numero di aerei sufficiente ad ammortizzarli.
"

Appunto, la questione aerei: quanti sono realmente in dotazione dell'aeroporto di Fano?? 28, o solamente 6?
La perplessità nasce di fronte alle notizie che parlano invece di ben 15 ora presenti all'Aeroclub di Pesaro, e altri 4/5 utilizzati dalla Pattuglia acrobatica Yak Italia.
Allora, quanto sono effettivamente gli aerei (soprattutto ultraleggeri) a disposizione dell'aeroporto di Fano?
Anche questo è un quesito a cui molti chiedono una chiara risposta, soprattutto perchè i maggiori introiti della Fanum Fortunae sembri derivino dalla vendita di carburante agli stessi aerei.

Poi esiste la valida opportunità di declassare l'aeroporto ad aviosuperficie, opzione anche questa avvallata dallo stesso Cavallini ("Solo una tempestiva trasformazione in aviosuperficie permetterebbe a tutti di tirare un sospiro di sollievo"), opzione di cui parla anche il dott. Gianluca Santorelli, revisore dei conti nel Consiglio d'amministrazione di Fanum Fortunae nonchè assiduo frequentatore dell'aeroporto come pilota: "Sarebbe una scelta drastica che andrebbe pianificata all'interno di un progetto politico completamente nuovo per l'aeroporto di Fano, comunque bisognerebbe sapere anche cosa ne pensa l'Enac, in quanto la Fanum Fortunae su questo non ha nessun potere decisionale. "

Contattato telefonicamente, il dott. Santorelli ha voluto poi dire la sua anche sulla questione asfaltatura della pista (opera prevista nel finanziamento proveniente dall'Enac, ossia 1 milione e 900 mila euro): "L'asfaltatura in tempi brevi è impensabile, per lo più se ragionata all'interno della Spending Review: non penso che un finanziamento di tale entità sia attualmente possibile."

Ora non resta altro che aspettare: nei prossimi giorni con molta probabilità potrebbero essere annunciate delle novità, con il 'rischio' che cambino completamente l'andamento dell'intera vicenda...






Questo è un articolo pubblicato il 19-10-2012 alle 12:25 sul giornale del 20 ottobre 2012 - 1122 letture

In questo articolo si parla di attualità, Laura Congiu

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/E9c





logoEV