Zanzara tigre e disinfestazioni: la medaglia di Panaroni

1' di lettura Fano 28/03/2012 - Disinfestazioni: dal primo Aprile riparte anche a Fano la campagna di lotta alla zanzara tigre. Dite voi se questa medaglia “m’arcord 2004”, ripescata nel pagliaio cartaceo delle “vecchie vignette”, non sembra coniata proprio oggi. Non per via della “tigre” gigante, ovviamente, ma per i “veleni”.

E la didascalia, con l’aiutino per i lettori, credo proprio che, ‘stavolta, non abbia bisogno di altro.








Questa è una vignetta pubblicata il 28-03-2012 alle 16:56 sul giornale del 30 marzo 2012 - 3406 letture

In questo articolo si parla di attualità, zanzara tigre, vignetta

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/w5K


Da Senigallia un certo "Aculmò" chiede se esistono davvero zanzaroni del genere.
Io non lo so (magari chiediamo a Freud) ma un consiglio a chi dovesse esserne punto si può sempre dare: - recarsi subito all'Ospedale Santa Croce di Fano o al San Salvatore di Pesaro (non so il Santo di quello di Senigallia) SENZA ASPETTARE di poter andare in quello "UNICO" DI FOSSO SEJORE!

Al zanzarone darei il nome del vignettista perché come Lui non smette mai di pungolare ed infastidire i nostri amministratori. Del resto è il mestiere della satira.

Tero, guarda che "il potere" ha tutto da guadagnare con la satira e quello più avveduto non s'infastidisce affatto per "gli avvisi". Il fastidio al massimo può essere visto come "effetto collaterale". Io, comunque, continuo a vedere nel bel carro di Giovanni Sorcinelli (di qualche anno fa) dedicato all'umorismo e alla satira la miglior sintesi per definirla: Il folletto (el "spervingul") che cerca d'infilare la matida nel di dietro della figura che rappresentava il potere.
Grazie per l'attenzione.