Mondolfo, liberalizzazioni e farmacie. L'opposizione: 'Occorre chiarezza'

farmacia Fano 28/03/2012 - E’ stato stato convertito nella legge 24/03/2012, n°27 il Decreto liberalizzazioni che prevede all’articolo 11 il “Potenziamento del servizio di distribuzione farmaceutica” e quindi l’apertura di nuove farmacie.

Il comma 1 lettera “a” stabilisce infatti che “il rapporto limite abitanti diventa di 3.300. La popolazione eccedente, rispetto al parametro consente l’apertura di un’ulteriore farmacia qualora sia superiore al 50 per cento del parametro stesso. Nel Comune di Mondolfo, in base ai dati anagrafici relativi alla popolazione residente al 31/12/ 2010 potrebbero quindi essere istituite 2 nuove farmacie

Il dibattito nel Comune di Mondolfo si è subito acceso, così come le speranze dei cittadini di alcuni popolosi quartieri periferici, come Piano Marina e Centocroci, che da decenni richiedevano giustamente questo servizio. In questi giorni sono usciti diversi articoli ed è partita anche una raccolta firme ma secondo noi occorre fare subito chiarezza.

Non tutto purtroppo sembra così scontato perché la Legge dice che è il Comune (entro 30 giorni dall’entrata in vigore della legge, vale a dire entro il 24/04/2012) che “identifica le zone nelle quali collocare le nuove farmacie” e quindi ovviamente questo elemento di discrezionalità potrebbe dar luogo (speriamo di no) a qualche possibile colpo di scena. Infatti sono tante le ipotesi assurde che circolano in questi giorni che potrebbero vanificare le legittime speranza dei cittadini di Piano Marina e Centocroci e quindi diventa fondamentale fare chiarezza. La discrezionalità dell’Amministrazione infatti è molto limitata dalla Legge stessa che afferma che il Comune deve comunque “assicurare un’equa distribuzione sul territorio, tenendo altresì conto dell’esigenza di garantire l’accessibilità del servizio farmaceutico anche a quei cittadini residenti in aree scarsamente abitate”

Questa è un’opportunità storica per il nostro Comune ed il tutto deve essere gestito dall’Amministrazione con la massima trasparenza tenendo presenti esclusivamente gli interessi dei cittadini. Proprio al fine di mettere dei punti fermi in questa vicenda e soprattutto e per evitare possibili “sorprese” ai danni dei cittadini abbiamo presentato un ordine del giorno che va ad identificare e delimitare in maniera inequivocabile i due quartieri in questione utilizzando le rispettive sezioni elettorali come stabilite in occasione dell’ultima tornata elettorale del Maggio 2011.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-03-2012 alle 18:54 sul giornale del 29 marzo 2012 - 853 letture

In questo articolo si parla di politica, carlo diotallevi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/w6E





logoEV