Nuovo ospedale, sopralluogo delle commissioni a Fosso Sejore

Nuovo ospedale Marche Nord sopralluogo consiglieri provinciali Fano 23/03/2012 - La commissione Lavori pubblici e la commissione Urbanistica e valutazione impatto ambientale della Provincia, presiedute rispettivamente da Giuseppe Magnanelli e Giorgio Baldantoni, hanno effettuato nei giorni scorsi un sopralluogo a Fosso Sejore, nell’area individuata dalla Regione per la costruzione del nuovo ospedale Marche Nord.

Spiegano i consiglieri: "Come già ribadito nei mesi scorsi, l’area rappresenta la soluzione ottimale perché è baricentrica sia rispetto alle città di Pesaro e Fano, sia all’entroterra. Il flusso veicolare determinato dalla nuova struttura potrà essere facilmente assorbito attraverso un adeguamento, sostenibile sotto il profilo ambientale e finanziario, dell’attuale sistema viario. Con conseguente alleggerimento del traffico cittadino. Le nuove opere, inoltre, sono compatibili con gli attuali strumenti urbanistici".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-03-2012 alle 10:50 sul giornale del 24 marzo 2012 - 1228 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, provincia di pesaro e urbino, provincia pesaro urbino, sopralluogo, fosso sejore, vivere pesaro, ospedale unico, Giuseppe Magnanelli, giorgio baldantoni, nuovo ospedale marche nord, consiglieri provinciali

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/wRi


Per non scontentare una città scontentiamo tutte e due. Addio visita lampo ai famigliari addio un salto e via. Tutti, pesaresi e fanesi, saremmo costretti prendere la macchina. Comunque con il mezzo pubblico ci vorrà troppo tempo. W le comodità.
Altra cattedrale nel deserto. Ma per le specialità non bastava Torrette, che per la valle del Cesano si raggiunge anche prima?


E ci sarebbe da dire tanto del perchè dell'alto "sgradimento" di parte dei cittadini per la scelta di quella location, ma anche - e prima - di quella dell'ospedale "unico" in alternativa al potenziamento e alla riqualificazione delle strutture esistenti. Ma, come dice sempre un mio amco: "Tant en el fan" (e tira in ballo i soldi e che è mejo la sanità diffusa sul teritorio anzichè quella "centralizzata" e, addirittura, lo spettro dei capannoni dell'ex zuccherificio, e, e, e...). Mi sa che sarebbe mejo tornare a parlare con la gente.