Cagli: Saimo Luchetti verso il carcere e spunta un testimone

Fano 21/03/2012 - In giornata il GIP dovrebbe ascoltare Saimo Luchetti - il 23enne di Cagli che domenica mattina ha gettato la ragazza giù da un cavalcavia a Fossombrone per poi seguirla nel vuoto - direttamente in ospedale per la convalida dell'arresto. Intanto spunta un testimone che passava nel viadotto al momento della tragedia.

Se il provvedimento della custodia cautelare dovesse essere confermato per Saimo Luchetti si avvicinerebbero le porte del carcere e, a quel punto, spetterebbe ai medici del nosocomio regionale decidere se e per quanto tempo Luchetti dovrà rimanere su un letto di ospedale prima di essere trasferito all'infermeria del carcere. Il ragazzo, muratore di professione e calciatore per passione, ha infatti riportato una frattura al bacino e per questo era stato operato il giorno successivo al ricovero, vista la lesione ad un osso importante del corpo umano la prognosi per il giovane è ancora lunga.

Intanto pare che davanti ai carabinieri si sia presentato un testimone: un uomo che domenica mattina, attorno alle 5:30, stava percorrendo proprio il viadotto prima della galleria a Fossombrone. Dalle prime indiscrezioni l'uomo avrebbe visto i due ragazzi "abbracciati" al bordo della strada e, leggendo i giornali, avrebbe ricollegato ciò che aveva visto all'accaduto.

I Carabinieri continuano ad indagare coordinati dal Pubblico Ministero Simonetta Catani, della procura di Urbino, che segue il caso.






Questo è un articolo pubblicato il 21-03-2012 alle 15:05 sul giornale del 22 marzo 2012 - 2744 letture

In questo articolo si parla di cronaca, arresto, carcere, alberto bartozzi, Andrea Toccaceli, Saimo Luchetti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/wKX





logoEV