Centro occupazionale diurno: si accende una speranza

Cooperativa Crescere Fano 17/03/2012 - Il Centro Occupazionale Diurno che ha chiuso i battenti lo scorso 18 febbraio 2012, grazie all’interessamento della Fondazione Carifano potrebbe ritornare nelle condizioni di riavviare le attività dei laboratori occupazionali e formativi in favore di utenti con disagio psichico a partire dal prossimo 1 aprile 2012.

La Fondazione ha infatti deliberato un contributo importante che anche se non sufficiente da solo a coprire i costi potrebbe costituire il presupposto per la ripartenza. Il contributo infatti potrebbe essere utilizzato per far fronte alle spese generali del servizio, permettendo ai Servizi Sanitari, Sociali e famiglie colpite dal problema, di inserire utenti ad un costo limitato.

Visto lo scenario fanese in relazione alla salute mentale, in cui il Dipartimento di Salute Mentale evidenzia un’esposizione al rischio di patologie del disagio psichico addirittura per un quarto circa della popolazione giovanile (18/30 anni), la sensibilita’ a queste problematiche testimoniata dal contributo che la Fondazione Carifano ha stanziato, risulta ancora piu’ apprezzabile.

Ci auspichiamo che l’ASUR e tutti gli enti territoriali interessati riescano a loro volta nell’opera di reperire e investire risorse cosicchè il servizio possa realmente riaprire le porte alle fasce di popolazione svantaggiate a livello socio-economico, che costituiscono molta parte dell’utenza.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-03-2012 alle 03:56 sul giornale del 19 marzo 2012 - 320 letture

In questo articolo si parla di lavoro, Cooperativa Crescere

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/wA1





logoEV