AIAB: 'Il lascito di Girolomoni dovrà ispirare il futuro del biologico'

Lutto Fano 17/03/2012 - “Gino rappresenta la nostra storia, il nostro presente ed il nostro futuro. Ci ha insegnato che i pricipali protagonisti del movimento bio sono i contadini, ha aperto il nostro orizzonte alle cultura del Mediterraneo e nello stesso tempo è stato esempio di un nuovo modo di fare impresa cooperativa, che da vero valore ai produttori biologici".

"Il suo impegno e il suo eclettismo culturale sono uno straordinario lascito per tutti noi e dovranno ispirare il futuro del movimento biologico italiano”.

Sono le parole con le quali Andrea Ferrante, presidente del Consiglio Direttivo Federale dell'AIAB, e Vincenzo Vizioli, presidente FIRAB, esprimono il loro cordoglio e il loro omaggio a Gino Girolomoni, presidente nazionale dell'AMAB, improvvisamente e prematuramente scomparso questa notte.

“Oltre che una perdita per il mondo del biologico – commenta il presidente dell'AIAB, Alessandro Triantafyllidis – la scomparsa di Gino Girolomani lascia un profondo vuoto anche dal punto di vista umano. Esprimiamo pertanto la nostra vicinanza e la nostra solidarietà alla sua famiglia e all'associazione che ha animato per così tanti anni”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-03-2012 alle 15:25 sul giornale del 19 marzo 2012 - 389 letture

In questo articolo si parla di cronaca, morte, Aiab, lutto, aiab marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/wBc





logoEV
logoEV