D'Anna sull'ospedale unico: 'Finalmente si allarga il fronte del no!'

GIANCARLO D'ANNA Fano 04/03/2012 - S'allarga, finalmente i fronte di quanti si oppongono alla realizzazione dell'Ospedale Unico. A testimonianza che non bisogna mai mollare su questioni importanti che riguardano la comunità.

S'allarga il fronte nonostante ci siano stati tentativi forti continui, trasversali di zittire e delegittimare chi da sempre con chiarezza e documenti alla mano ha denunciato “l'affare ospedale unico”.

Oggi è un fiorire di iniziative che denunciano la mancanza di trasparenza di quell'operazione, l'inutilità di quell'operazione la trasversalità condivisa dei difensori dei potere forti che dietro quell'operazione s'intravedono.

Di qui la mia partecipazione all'incontro organizzato a Lucrezia dal Comitato la Salute ci riguarda, non per ricambiare la presenza di esponenti di quel comitato ad un simile incontro tenutosi a Pesaro ,che vedeva tra i relatori anche il sottoscritto, ma nella convinzione che questa è una battaglia che ha una sola bandiera :quella della difesa del diritto ad una salute pubblica.

La musica che suonano gli sponsor dell'ospedale unico è sempre quella come nelle pubblicità truffaldine: quello che c'è non funziona, quello che verrà sarà sicuramente meglio, si crea occupazione, è nell'interesse della comunità.

E' vero, quello, quelli che esistono non funzionano a dovere e sono da migliorare. Resta una domanda semplice quelli che non sono stati capaci di far funzionare l'attuale sistema sono legittimati e capaci di farne funzionare uno nuovo? Le cose sono due: se non sono stati capaci di gestire l'esistente si dimettano, oppure sorge il dubbio che le cose non si fanno funzionare per giustificare un nuovo ospedale.

Si crea occupazione? Certo per chi costruisce il nuovo nosocomio e si “occupa” del cambio di destinazione delle attuali strutture ospedaliere. Parlando di sanità a noi preme sapere non cosa o quanto guadagna il privato ma cosa ci “guadagna” il cittadino dal punto di vista sanitario. Niente! Già, è opportuno ripeterlo il Piano Socio Sanitario dice chiaramente che per la nostra Provincia è garantito il “livello minimo di assistenza”l'esatto contrario di Ancona dove il Piano investe le risorse più importanti e consistenti.

Di tutto questo i sostenitori dell'Unico Ospedale provinciale non fanno menzione, prendendosela con chi documenti alla mano e coerentemente continua una battaglia di trasparenza e informazione.

I più accaniti sono quelli che pur avendo chiesto il proprio voto a difesa dell'Ospedale oggi sposano la causa della madre di tutti gli affari Un po come ha fatto l'assessore Mezzolani:prima delle elezioni regionali era contro l'ospedale unico subito dopo, acceso sostenitore del contrario. Cosa sarà accaduto in quei pochi mesi a lui e a tanti altri che hanno cambiato idea non si capisce.


da Giancarlo D'Anna
Vice Presidente Commissione Sanità




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-03-2012 alle 22:00 sul giornale del 05 marzo 2012 - 1328 letture

In questo articolo si parla di politica, Giancarlo d'anna, ospedale unico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/v3V


Secondo me è sempre più evidente come la dolorosa historia dell'Ospedale unico si stia fra l'altro trasformando in una spece di alibi per giustificare le "omissioni" sugli interventi per un miglior funzionamento delle strutture esistenti.
Dice: - "tanto lo facciamo nuovo"...

walter

Commento sconsigliato, leggilo comunque