Cespuglio incalza Santorelli per un commento su Vivere Fano

fano dei quartieri Fano 24/02/2012 - Ricordando un vecchio motivetto che diceva “… tu sei buono e ti tirano le pietre, sei cattivo e ti tirano le pietre …” registro con vero sconcerto i commenti rilasciati, non tanto dai soliti anonimi, ma quello più desolante, e fuori luogo, di tale firmatario Alberto Santorelli.

Con spirito estremamente positivo, e propositivo, nel mio precedente intervento auspicavo, durante le sfilate del Carnevale, anche la presenza di speaker che potessero fare degli annunci/saluti in lingua straniera quale contributo al processo d’integrazione e di condivisione delle nostre tradizioni popolari divenendo un piccolo, ma concreto, passo verso un carnevale di Fano veramente Mondiale.

A tale mio suggerimento, i detrattori di professione e tale firmatario Alberto Santorelli rispondevano mostrando di non aver alcuna nozione del significato di intercolturale e del fatto che la nostra società sia divenuta multietnica in quanto scambiavano, dei normalissimi annunci fatti in lingua inglese, con quelli, dal valore ben differente, e da me auspicati (come ad esempio in lingua albanese, dei paesi dell’est, russa, araba, cinese ecc.), da scegliere dunque sulla base delle etnie maggiormente presenti nei nostri territori.

Siccome il commento rilasciato sui siti d’informazione (firmato Alberto Santorelli) getta forte sconcerto sulle reali capacità dell’intervenuto a comprendere quanto da me auspicato denotando così un forte pressappochismo e grande superficialità e siccome, il nome coincide con quello dell’Assessore del Comune di Fano, con delega al Turismo (sic!), Alberto Santorelli, mi aspetto ricevere dall’Assessore omonimo una smentita sulla paternità di quanto apparso pena il rischio di svilire e sminuire l’importante incarico da egli rivestito.

Inoltre, quanto riportato da chi si firma Alberto Santorelli, pare non sapere che l’annuncio fatto durante la sfilata, e che io ho portato ad esempio, riguardava un bambino di chiare origini nordafricane e che, dopo vari tentativi, l’annuncio veniva pronunciato in lingua araba (questo andato a buon fine) da una persona diversa da quella indicata nel commento postato denotando così una forte irresponsabilità nel commentare ciò che non si conosce per non dire “a vanvera”.

Dunque come vede sig. firmatario Alberto Santorelli io ero al carnevale ed in particolare so quello che dico e scrivo; mentre lei?






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-02-2012 alle 02:00 sul giornale del 25 febbraio 2012 - 692 letture

In questo articolo si parla di carnevale, politica, Fano dei Quartieri, Alberto Sarntorelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/vEC