La provincia di Pesaro Urbino boccia la turbogas di Corinaldo, il comitato esulta

turbogas Fano 22/02/2012 - Il Comitato Sviluppo Sostenibile Valcesano comunica che nella mattinata di martedì è stato votato all’unanimità da parte del Consiglio Provinciale di Pesaro e Urbino, l’ordine del giorno riguardante il progetto della centrale termoelettrica a ciclo combinato di Corinaldo.

L’ordine del giorno votato è la proposta n.61 presentata dal Consigliere Talè Federico emendato su proposta della Consigliera Foschi Elisabetta, che ha proposto al Consiglio di adottare un atto di pari contenuto a quello già adottato dalla Giunta Provinciale il 2 febbraio u.s., in cui si ESIGE che la Giunta Regionale chieda la chiusura del procedimento.

L’ordine del giorno:

- Chiede al Ministero dell’Ambiente di revocare, in via di autotutela, l’atto che concede alla ditta Edison la proroga per la presentazione del progetto al 10.08.2012;

- ESIGE che la Giunta della Regione Marche faccia richiesta di chiusura del procedimento ai due Ministeri competenti;

- Invita la Regione Marche e all’Agenzia ARPAM di astenersi da ogni preventivo coinvolgimento, anche indiretto, nella fase di definizione del progetto, anche al riguardo delle indicazioni da fornire per la realizzazione della campagna di monitoraggio dell’aria in fase ante operam.

Il comitato ringrazia i Consiglieri Provinciali per aver votato l’o.d.g. e prende atto della serietà con la quale tutti gli schieramenti politici, all’unisono, hanno espresso il rigetto della proposta avanzata da Edison S.p.a.

L’atto votato dal Consiglio Provinciale costituisce ulteriore stimolo al governo regionale a dimostrare la stessa determinazione espressa ancora una volta dal territorio e a farsi capofila di questo rifiuto.

Entro il mese di marzo il Comitato farà una verifica dell’operato degli Enti coinvolti.

Il Comitato invita i cittadini all’incontro che si terrà il 24 febbraio alle ore 20,45 presso la Sala Convegni della Croce Rossa di Marotta di Mondolfo.
L’assemblea è stata promossa congiuntamente al Comitato promotore della petizione al Parlamento Europeo contro il Rigassificatore Ancona-Falconara e al Comitato contro l’elettrodotto Fano-Teramo.

Oggi la valle del Cesano può dire finalmente di non essere “orfana” della Provincia.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-02-2012 alle 08:00 sul giornale del 23 febbraio 2012 - 290 letture

In questo articolo si parla di politica, turbogas, Comitato Sviluppo Sostenibile della Valcesano, comitato, valcesano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/vx3