Dragaggio del porto, Viventi: 'Consideriamo urgente e prioritaria l’agibilità dello scalo'

Porto di Fano 1' di lettura Fano 22/02/2012 - “L’agibilità del porto di Fano non può non rappresentare un’urgenza e una priorità per la Regione Marche”. Lo ribadisce l’assessore ai Porti, Luigi Viventi, alla vigilia della Conferenza dei servizi - appositamente convocata per giovedì 23 - che dovrà autorizzare un dragaggio da 2 mila metri cubi per ripristinare la funzionalità dello scalo e arginare i problemi che ostacolano la navigazione all’interno del porto.

Mercoledì la Regione ha partecipato al Tavolo tecnico convocato dal prefetto di Pesaro e Urbino, mentre domani, ad Ancona, verrà analizzato il progetto tampone presentato dal Comune di Fano.

“La situazione dell’infrastruttura portuale cittadina non è più sostenibile. Anche Fano viene penalizzato dalla mancata realizzazione della cassa di colmata di Ancona, che dovrà ospitare i fanghi dragati nei diversi porti marchigiani – sottolinea Viventi – I lavori dovevano concludersi nel 2009, ma un ricorso contro l’appalto ha bloccato tutto. Confidiamo e, per quanto possibile, lavoriamo affinché l’iter amministrativo possa riavviarsi celermente, in modo da procedere a un radicale dragaggio dello scalo fanese.

Nel frattempo la Regione è disponibile a valutare e autorizzare i progetti, seppur tampone, proposti dall’amministrazione comunale. Già 3 mila metri cubi di fanghi sono stati stoccati, altri 2 mila verranno esaminati domani dalla Conferenza dei servizi. Le strutture regionali sono comunque pronte a valutare ulteriori soluzioni che verranno indicate, in modo da garantire l’incolumità delle barche e degli equipaggi che devono operare nella massima sicurezza anche in questa fase di transizione verso la soluzione definitiva”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-02-2012 alle 13:22 sul giornale del 23 febbraio 2012 - 272 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/vyl