Senigallia: rubavano cosmetici alla So.di.co., denunciati due dipendenti fanesi

so.di.co. srl 2' di lettura Fano 20/02/2012 - Sottraevano prodotti cosmetici dall'azienda in cui lavorano con lo scopo, verosimilmente, di immetterli sul mercato e vendere così merce rubata. Un giochetto che poteva fruttare anche diverse migliaia di euro.

Il tutto ai danno ovviamente della ditta So.di.co., nota azienda produttrice di cosmetici di Senigallia. I due “furbi” però sono stati scoperti dai Carabinieri e denunciati in stato di libertà per furto aggravato, continuato e ricettazione. Ad accorgesi che qualcosa non andava è stata la proprietà che nei giorni scorsi si è accorta della sparizione di centinaia di cosmetici. Di qui la decisione dell'azienda di rivolgersi ai Carabinieri denunciando il furto avvenuto ad opera di ignoti e in data imprecisata.

I militari della Compagnia di Senigallia diretta dal Capitano Lorenzo Marinaccio hanno subito avviato le indagini. Durante il sopralluogo nell'azienda di Cesano, tra vari rilievi, i militari hanno acquisito i filmati del sistema di videosorveglianza in funzione nell'azienda. Dalla visione delle immagini la scoperta. I militari si sono accorti infatti che l'autore del furto era un dipendente della ditta stessa che da qualche tempo arraffava i cosmetici prodotti dalla So.di.co. Appena arrivata l'autorizzazione da parte dell'Autorità Giudiziaria, i carabinieri hanno effettuato due perquisizioni nelle abitazioni non solo del dipendete filmato dalle telecamere ma anche di un altro suo collega che sembravo potesse essere anche lui complice dell'operazione.

A casa dei due dipendenti non a caso i militari hanno trovato ben 300 cosmetici, gli stessi prodotti dalla So.di.co. e dei quali l'azienda aveva dichiarato il furto. Cosmetici che se immessi sul mercato avrebbero fruttato almeno 4-5 mila euro. Per i due dipententi, M.B., 37enne di Marotta, e L.O., 36enne di Mondavio, è subito scattata la denuncia per furto aggravato, continuato e ricettazione. Un furto che stavolta per l'azienda si è risolto nel migliore dei modi (con la refurtiva posta al momento sotto sequestro dall'autorità giudiziaria ma restituita al legittimo proprietario) ma che in passato non è stato sempre così.

La So.di.co purtroppo non è nuova a questo tipo di reato. Nel novembre scorso infatti un altro furto era stato messo a segno da ignoti ai danni dell'azienda. In quella circostanza i ladri agirono di notte. Dopo aver forzato il cancello di ingresso, entrarono con un camion all'interno del magazzino rubando 50 bancali di cosmetici per un valore di circa 150 mila euro. Prima di andarsene i ladri manomisero le telecamere a circuito chiuso presenti all'interno del magazzino portandosi via anche i filmati. In quel caso gli inquirenti ipotizzarono che il colpo fosse stato realizzato su commissione, da parte di soggetti che sapevano già come e dove piazzare poi i prodotti rubati.








Questo è un articolo pubblicato il 20-02-2012 alle 23:08 sul giornale del 21 febbraio 2012 - 425 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, furto