Rossi (FAP): 'La neve non avrebbe fermato il treno Fano-Urbino'

tamponamento treno ancona 1' di lettura Fano 17/02/2012 - Il “Fronte di Azione Popolare PU” torna ancora sul tema della Fano-Urbino e lo fa anche in considerazione delle recenti nevicate. Afferma il presidente Giacomo Rossi; “Il maltempo di questi giorni c'ha fornito degli interessanti spunti di riflessione.

Oltre che evidenziare l'importanza della necessità di preservare i presidi ospedalieri esistenti nel territorio, c'ha fatto riflettere ulteriormente sull'opportunità della riapertura della tratta ferroviaria Fano-Urbino.

Il treno infatti, a differenza degli altri mezzi di locomozione, non teme la neve, come ci dimostrano i vari treni presenti in montagna come per esempio il “Trenino Rosso” Bernina Express, attivissimo anche nell'inverno alpino. Se avessimo avuto la Fano-Urbino, avremmo avuto la Val Metauro completamente collegata indipendentemente dalle nevicate avute.

Quindi la rete ferroviaria Fano-Urbino, anche in virtù della conformità del nostro territorio, del suo clima e della viabilità provinciale, non va smantellata ma piuttosto ripristinata; vi sarebbero la logica, i mezzi e le caratteristiche per poterlo fare.

Chiediamo ancora agli altri partiti di esprimersi chiaramente sulla questione come già da tempo abbiamo fatto noi del Fronte di Azione Popolare PU”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-02-2012 alle 16:08 sul giornale del 18 febbraio 2012 - 2054 letture

In questo articolo si parla di attualità, politica, la destra, tamponamento treno ancona, Giacomo Rossi, partito politico, pesaro e urbino, fronte di azione popolare pu, fronte di azione popolare

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/vmr


Mi perdoni sig. Rossi ma Lei ha veramente visto come hanno funzionato le ferrovie in questo frangete di brutto tempo? Chi ne fa uso ha visto che le ferrovie hanno dovuto sostituire molte corse con i Bus. Semplicemente ridicolo. Sulla linea Adriatica specie a S.Benedetto sono stati soppressi oltre la metà dei treni. Se ho capito bene la S.Benedetto-Ascoli, la Civitanova-Albacina, e la Pergola-Fabriano sono state chiuse. Come avrebbe potuto correre un treno sulle gole del percorso per Urbino, dove si è accumulata fino a 5-6 mt di neve.(52 attraversamenti stradali a raso).
Poi cosa sarebbe servito arrivare alla stazione di Urbino se il centro poi non è raggiungibile con oltre 3 mt di neve? Me lo spieghi Lei che è un esperto.

Basta con questa follia della linea ferroviaria Pesaro Urbino. Una linea che a fronte di un servizio ridicolo farebbe spendere una barca di soldi per riattarla e gestirla. Ma i giornali caro signore non li legge? Ci sono stati treni bloccati in tutta Italia durante le nevicate. Quello che è patetico è che lei sembra completamente accecato dalla sua idea non riesce a vedere ad un palmo dal naso. Non so se augurarle di essere in cattiva fede perchè se non lo fosse sarebbe davvero preoccupante.