Amianto, D'Anna: 'Bonificare gli edifici pubblici, a partire dalla Provincia di Pesaro Urbino'

amianto Fano 14/02/2012 - Dopo la sentenza del Tribunale di Torino che ha condannato a 16 anni di carcere ciascuno il miliardario svizzero Stephan Schmidheiny, 65 anni, e il barone belga Louis De Cartier, 91 anni per disastro doloso permanente e omissione dolosa di misure antinfortunistiche non ci sono più giustificazioni per non intervenire con le necessarie bonifiche di edifici pubblici e privati, migliaia anche nella nostra regione ad iniziare dalla Provincia di PU, nei quali è stata rilevata la presenza di amianto.

Il giudice,infatti, ha stabilito che i capi della Eternit “pur sapendo che l'amianto uccideva mantennero operative le fabbriche per fare profitto. E che avrebbero omesso di far usare tutte quelle precauzioni come l'uso delle mascherine o dei guanti per evitare che migliaia di persone si ammalassero di tumore al polmone o di asbestosi”.

La stessa consapevolezza, quella che l'amianto è un micidiale killer, oggi debbono averla in primo luogo gli Enti Locali specie quelli che, censimento alla mano, conoscono benissimo dove è necessario intervenire.

Allo stesso tempo la Regione Marche non può continuare a nascondersi dietro un dito continuando a non tenere in considerazione alcune proposte di legge come quella presentata dal sottoscritto la scorsa legislatura, e mai approdata in aula, per la concessione di contributi per lo smaltimento dell'amianto e le due presentate in questa legislatura che hanno lo stesso obiettivo.

Esiste una mappatura molto accurata dei siti che devono essere risanati per l'inquinamento da amianto oltre 3550 in Provincia di PU. E' giunta l'ora di agire. Non ci sono e non possono esserci giustificazioni decenni dopo il riconoscimento della pericolosità della fibra di” asbesto”.

Quindi le situazioni nelle quali è presente amianto friabile a rischio dispersioni vanno sanate immediatamente. La sentenza di Torino oggi stabilisce in modo chiaro le responsabilità di chi conosce e non agisce per rimuovere l'amianto-killer.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-02-2012 alle 11:00 sul giornale del 15 febbraio 2012 - 423 letture

In questo articolo si parla di edilizia, amianto, politica, salute, Giancarlo d'anna, pesaro e urbino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/vb0


da GIORGIO PANARONI

- Purtroppo la mappatura dei siti "in odore di amianto", realizzata dall'Arpam, giace in qualche cassetto e a nulla son servite le richieste di renderla pubblica o - almeno - più facilmente consultabile (anche perchè realizzata con fondi pubblici).
Dopo l'avvenuta bonifica del sito all' ex zuccherificio, ora - oltre agli edifici scolastici, sotto doveroso controllo - quali sono nella nostra città gli altri edifici maggiormente bisognevoli di interventi? senza allarmismi ingiustificati - sembrerebbe doveroso far conoscere qualche cosa di più preciso in merito.
(Giorgio Panaroni)