Ospedale Santa Croce: da febbraio una nuova uscita veicoli su via Metauro

Ospedale Santa Croce Fano 30/01/2012 - Della necessità di interventi per risolvere l’annoso problema del traffico veicolare nei viali del Santa Croce se n’è qui parlato più volte (come ci ricorda anche la foto-medaglia in pubblicazione).

Ora che una soluzione pare essere vocina con la prevista “uscita” delle auto in via Metauro ci si permette di evidenziare alcuni aspetti che potrebbero necessitare di ulteriori approfondimenti. Occorre tenere anche conto che le macchine che “escono” dall’Ospedale in via Metauro debbono poi proseguire per altre destinazioni e che la strada (via Tazzoli) che “si apre” dalla parte opposta all’uscita dal Santa Croce è a senso unico (e quindi con divieto di accesso da via Metauro).
Altre breve considerazioni:

- Alla nuova uscita gli autoveicoli che svoltano a destra e proseguono su via Metauro dovranno poi, di lì a poco, fermarsi allo stop per attraversare via Vittorio Veneto e proseguire per Via Giordano Bruno e l’Adriatica.
- Non pare superfluo ricordare subito come il semaforo a quell’ incrocio (in prossimità dell’ospedale) sia stato tolto da tempo, malgrado la scarsissima visibilità a sinistra per la eventuale svolta (particolarmente pericolosa).
- Per le macchine che, uscite dall’Ospedale su via Metauro debbono svoltare subito a sinistra, altre situazioni di difficoltà come la prosecuzione su via del Fiume, strada in certi punti strettissima, a doppio senso di marcia e con qualche parcheggio in carreggiata, senza contare che chi dovrà girare per via San Lazzaro (per raggiungere via del Ponte o la Statale) dovrà vedersela con una stradina a “senso unico alternato” assai frequentata, specialmente d’estate…

Queste alcune delle osservazioni (in aggiunta a quelle espresse dall’Associazione For-bici), indicate con il solo scopo di evidenziare qualche aspetto critico della soluzione in avvio dal primo febbraio prossimo, osservazioni non certo per mettere in discussione la necessità di regolamentare al Santa Croce “il traffico” in entrata, in uscita e in sosta.
Le “sofferenze” qui ricordate, si ripete, come contributo perché chi di dovere possa tenerne eventualmente conto nel cercare di porvi rimedio.

- Chi vuole approfondire, magari per suggerire ulteriori elementi di analisi, o qualche proposta, può facilmente visionare su Google le mappe delle zone interessate alle modifiche.








Questa è una vignetta pubblicata il 30-01-2012 alle 13:43 sul giornale del 31 gennaio 2012 - 1059 letture

In questo articolo si parla di attualità, traffico, fano, , Giorgio Panaroni, ospedale santa croce, vignetta

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/uyu


La città ormai è tutta un parcheggio, sono gli edifici che danno fastidio........ !! Se non cambiamo modo di vita rimarremo imbottigliati per molta parte del nostro tempo. Le città del nord Europa lo hanno capito.
Puntano sul servizio pubblico e sulle bici. Chi può faccia un giro su internet e vedrà che razza di parcheggi a più piani coperti ci sono solo per bici, specie in prossimità di stazioni, altro che Vanvitelli!!!

Per esempio fate un giro:
http://www.youtube.com/watch?NR=1&feature=endscreen&v=hgS5_L7Kl74





logoEV