Insieme per la scuola precisa: 'Non verrà riproposto il piano di dimensionamento approvato a novembre'

scuola 3' di lettura Fano 20/12/2011 -

A causa di informazioni incomplete ed allarmistiche purtroppo date alla gente, ci sentiamo in dovere di intervenire per rassicurare la cittadinanza confusa: il prossimo anno non verrà riproposto lo stesso piano di dimensionamento scolastico approvato a novembre dal Comune.



Questo, in quanto l'attuale delibera comunale si riferisce solo all’a.s. 2012-13. Questo significa che l’anno successivo non sarà più attuale e che quindi, dopo la sospensione se ne dovrà fare un altro ancora tutto da decidere (probabilmente sarà ispirato al nostro piano 1.5 in versione aggiornata visto il largo consenso ricevuto). Alcuni giorni fa il sindaco Aguzzi ha rilasciato delle dichiarazioni a Fano Tv che potrebbero trarre in inganno, sull’ormai famoso piano di Dimensionamento Scolastico del Comune di Fano, con le quali, attribuisce alla Provincia la responsabilità della confusione che si è ingenerata. E’ vero esattamente il contrario. Semplicemente, la Provincia ha espresso parere negativo solo ai piani di dimensionamento di Fano, Fossombrone e Mondolfo la cui attuazione risultava improponibile. Addirittura quello di Fano è stato ritenuto così poco convincente dai tecnici della Provincia che si è ritenuto utile, fatto unico e senza precedenti, allegare il piano elaborato dal nostro Comitato cittadino, come fondamentale contributo alla ridefinizione di tutto il dimensionamento.

La Provincia ha cercato di fare chiarezza su un argomento intorno al quale c’è confusione anche a livello nazionale e questo non certo con intenti strumentali contro il Comune di Fano, come sostiene il sindaco Aguzzi; tant’è che sette regioni, tra cui le Marche, hanno già fatto ricorso alla Corte Costituzionale. Se il piano elaborato dall’Amministrazione comunale di Fano fosse stato ritenuto corretto, adeguato, efficace ed applicabile, non si vede perché la Provincia non avrebbe dovuto approvarlo e perché centinaia di genitori si sarebbero dovuti riunire in comitato, con grande dispendio di tempo e risorse personali. Altro che “scontentare in parte alcuni cittadini” come dice il sindaco! Falso, ancora, è sostenere che il movimento di protesta cittadina sia stato “cavalcato” da qualche politico: il nostro Comitato, che è nato e si conferma apartitico, ha faticosamente e con coerenza portato avanti le sue istanze, cercando il non facile confronto con tutte le forze politiche disposte a sostenerle e con tutte le istituzioni competenti, a partire proprio dal Comune, dal quale ha ricevuto quasi sempre attenzione di circostanza.

Se fossimo un partito politico forse diremmo altro, ma siamo un comitato e come tale, ci limitiamo a invitare caldamente gli amministratori comunali ad avere un superiore senso di responsabilità e a non cercare di attribuire ad altri, errori che loro per primi hanno fatto in passato. Ci rendiamo conto che governare una città come Fano non è banale e ogni giunta possibile può in buona fede fare errori, ma l'importante è ravvedersi e non perseverare. Come dice un vecchio detto popolare “errare è umano ma perseverare è diabolico”. Porgendo i nostri migliori auguri di buon natale e felice anno nuovo a tutta la cittadinanza, ringraziamo tutti i genitori delle più disparate appartenenze politiche che ci hanno permesso una volta tanto tutti insieme di ottenere questo grande risultato per la collettività.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-12-2011 alle 17:49 sul giornale del 21 dicembre 2011 - 514 letture

In questo articolo si parla di scuola, attualità, fano, aula

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/tcF