Operazione 'Scuolamobile', lettera aperta di Insieme per la Scuola

scuola 2' di lettura Fano 06/11/2011 -

Al Sindaco del comune di Fano e tutti i componenti della Giunta
A tutti i Consiglieri del comune di Fano
Al preside Istituto Comprensivo Padalino Prof, Daniele Sordoni
Al preside Istituto Comprensivo Gandiglio Prof. Athos Salucci
Al Dirigente del Circolo Didattico di “San Lazzaro”: Prof. ssa Frediana Benni
Al Dott. Ippolito Lamedica responsabile servizio Pedibus
 



Per una migliore preparazione alla eventuale messa in opera del nuovo piano di dimensionamento scolastico recentemente approvato dal consiglio del comune di Fano con delibera n°434 del 25 /10/2011, il nostro comitato vorrebbe organizzare, con la collaborazione dei dirigenti scolastici, una sorta di prova generale di quello che sarà l'attuazione pratica della delibera in oggetto (qualora questa proposta diventasse esecutiva), con sopralluogo di studenti e insegnanti alle effettive dislocazioni nei vari edifici scolastici che occuperanno il prossimo anno.

Questo il programma della mattinata:

ore 9.00 – esecuzione di una prova di evacuazione antincendio con adunata delle classi nei punti di raccolta previsti.
Ore 10.00 – trasferimento a piedi di insegnanti e alunni (con il sostegno di alcuni genitori del nostro comitato e se possibile del servizio Pedibus) presso i nuovi edifici scolastici di assegnazione e ricognizione spazi
Ore 11.30 discorso nel cortile di ogni I.C. o direzione didattica del dirigente responsabile e di eventuali autorità intervenute.
Ore 12.00- ritorno a piedi alle scuole di origine.

L'operazione proposta ha lo scopo di fornire una maggior informazione ed esperienza delle interazioni che saranno in essere il prossimo anno: questa “simulazione” sarà molto utile sia ai genitori che agli alunni per verificare eventuali problematiche e sarà di grande aiuto per gli stessi presidi che potranno quindi per tempo simulare e controllare le varie disposizioni di alunni ed insegnanti a loro assegnati, nei vari edifici a loro disposizione.
Potrà servire infine ai sindacati della scuola per capire cosa il corpo docenti si troverà ad affrontare e cosa quindi dovranno sostenere.

Preghiamo cortesemente ogni interpellato di esprimere velocemente il proprio parere in merito.


da Ermanno Cavallini
presidente pro tempore Comitato "Insieme per la Scuola"




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-11-2011 alle 11:57 sul giornale del 07 novembre 2011 - 492 letture

In questo articolo si parla di scuola, attualità, fano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/rin


Ippolito Lamedica

Devo rilevare che non esiste un "Servizio Pedibus",. Il Pedibus è un progetto del Comune di Fano Labter Città dei Bambini e consta di attività logistiche ed educative per le quali ho incarico dal Comune. Ma il pedibus funziona in quanto alcuni genitori (fra i quali anch'io) volontariamente si offrono come accompagnatori. Pertanto non è un Servizio, ma una forma di mutuo aiuto fra genitori che il Comune sta sostenendo. Da ciò si evince che io non sono, né potrò mai essere, il Responsabile del Servizio Pedibus. L'unica mansione per la quale sono stato (per il periodo gennaio - giugno 2011) incaricato dal Comune è la conduzione di laboratori educativi con le classi per accrescere le competenze dei bambini e aiutarli a sviluppare la propria autonomia. Non faccio parte del Comune e non posso ricevere lettere in quanto il "mio" servizio semplicemente non esiste. Quanto alla mia funzione durante il tragitto del Pedibus è identica a quelle degli altri genitori che gentilmente si prestano a sostenere i bambini in questo importante traguardo educativo.

Ippolito Lamedica

Devo rilevare che non esiste un "Servizio Pedibus",. Il Pedibus è un progetto del Comune di Fano Labter Città dei Bambini e consta di attività logistiche ed educative per le quali ho incarico dal Comune. Ma il pedibus funziona in quanto alcuni genitori (fra i quali anch'io) volontariamente si offrono come accompagnatori. Pertanto non è un Servizio, ma una forma di mutuo aiuto fra genitori che il Comune sta sostenendo. Da ciò si evince che io non sono, né potrò mai essere, il Responsabile del Servizio Pedibus. L'unica mansione per la quale sono stato (per il periodo gennaio - giugno 2011) incaricato dal Comune è la conduzione di laboratori educativi con le classi per accrescere le competenze dei bambini e aiutarli a sviluppare la propria autonomia. Non faccio parte del Comune e non posso ricevere lettere in quanto il "mio" servizio semplicemente non esiste. Quanto alla mia funzione durante il tragitto del Pedibus è identica a quelle degli altri genitori che gentilmente si prestano a sostenere i bambini in questo importante traguardo educativo.
Ippolito Lamedica