Marotta: Confesercenti su outlet, 'La soddisfazione del sindaco Cavallo sembra davvero fuori luogo'

Ilva Sartini 2' di lettura Fano 03/11/2011 -

"Le nostre grida d’allarme per l’anninciata apertura dell’outlet a Marotta di Mondolfo sono rimaste inoscoltate. Adesso è ufficiale". Eppure, continua il direttore Confesercenti Fano Ilva Sartini "abbiamo ampiamente documentato nel corso degli ultimi anni i motivi per cui siamo assolutamente contrari a quella che si rivelerà soltanto un’operazione immobiliare utile a far guadagnare imprese edili".



La gioia espressa sulla stampa dal Sindaco Cavallo soprattutto per l’uninamità con la quale è stato approvato il piano particolareggiato per l’area dove dovrebbe sorgere l’outlet, primo passo necessario per la futura construzione dello stesso, si trasforma nelle parole di Sartini in ulteriore preoccupazione. "Né la maggioranza, né l’opposizione sembrano aver compreso i reali risvolti che questa operazione avrà sull’occupazione del commercio e sul territorio. Per parlare di uno soltanto dei pericoli cui andremo incontro, ricordo che è stato ampiamente documentato come un singolo posto di lavoro guadagnato nella grande distribuzione corrisponda alla perdita di ben tre posti di lavoro nella rete tadizionale: il nostro territorio, in una congiuntura storica come quella attuale, può davvero permetterselo?

Vorrei inoltre aggiungere che sarebbe il caso di raffreddare gli animi: il Sindaco dovrebbe sapere che, come accaduto per l’ex zuccherificio a Fano, la variante dovrà essere approvata dalla Provincia prima che possa essere fatta qualunque operazione così pesante per la popolazione e il territorio. Proprio per questo motivo ci appelliamo, ora, di nuovo all’ente provinciale perchè intervenga, esercitando potere di controllo, a bloccare un’operazione che, come più volte sottolineato, metterà in crisi l’intera rete del piccolo commercio, che rappresenta l’ossatura del nostro sistema distributivo e qualifica centri storici e quartieri. Una ulteriore riflessione va aggiunta, in merito all’innalsamento degli indici di cubatura che il sindaco enuncia come fosse una pura formalità: esso avrà un impatto fortissimo in particolare relativamente alla cementificazione e alla viabilità. Per fortuna poi il Sindaco Cavallo non ha ricordato, nell’intervista, cioè che noi temiamo di più e cioè l’idea della creazione di “paese finto” che possa mettersi in competizione con i nostri straordinari 100 veri borghi storici".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-11-2011 alle 17:46 sul giornale del 04 novembre 2011 - 899 letture

In questo articolo si parla di attualità, marotta, confesercenti, ilva sartini, outlet

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/rbX


Quanta presunzione in questo comunicato.
"Le nostre grida d’allarme " le grida di allarme si fanno quando c'è un pericolo, su queste cose ci si confronta e si esprimono opinioni
""abbiamo ampiamente documentato nel corso degli ultimi anni i motivi per cui siamo assolutamente contrari a quella che si rivelerà soltanto un’operazione immobiliare "
Strano, a Marotta non ho visto neanche un cartello, ne sentito alcuno parlane. Stupisce la capacità di previsione del futuro. Mi mostri qualche calcolo invece di queste chiacchiere.
"Né la maggioranza, né l’opposizione sembrano aver compreso i reali risvolti che questa operazione "
Tutti fessi tranne la confesercenti ?
"parlare di uno soltanto dei pericoli cui andremo incontro, ricordo che è stato ampiamente documentato come un singolo posto di lavoro guadagnato nella grande distribuzione corrisponda alla perdita di ben tre posti di lavoro nella rete tadizionale" Me lo dimostri anche a me sa ho una certa età ci metto un pò a capire. Ultimi 3 anni quanti posti di lavoro persi nel commercio e quanti nuovi nella g.a. ?
NOn è che lei sta difendendo i piccoli commercianti che : fanno molto nero, non pagano i dipendenti secondo le regole (straordinari ? festivi ?) cosa che non mi risulta sia praticata nella g.a.
"di raffreddare gli animi: il Sindaco dovrebbe sapere che, come accaduto per l’ex zuccherificio a Fano, la variante dovrà essere approvata dalla Provincia" questa addirittura suona come una minaccia

Io invece che Marotta la frequento da 14 anni, sento che molti giovani han perso lavoro e sono disperatamente alla ricerca di una occupaizone che non c'è .

Pierino La Peste

Commento sconsigliato, leggilo comunque

pinco pallino

Commento sconsigliato, leggilo comunque




logoEV