Giacomo Mattioli: 'Servono più controlli alla spiaggia dei cani'

spiaggia dei cani fano Fano 29/06/2011 -

Animalido, la cosiddetta “spiaggia dei cani”, rappresenta un servizio molto utile che da anni il Comune di Fano mette a disposizione di chi vuole condividere il piacere di andare al mare con il proprio amico a quattro zampe.



Tuttavia in questo primo scorcio di estate ho già ricevuto diverse segnalazioni da parte di persone che frequentano la zona dell’Arzilla a proposito alcuni problemi riguardanti Animalido, dove peraltro anch’io ho vissuto una situazione poco piacevole nel pomeriggio di sabato scorso. Le segnalazioni sono tutte dello stesso tipo: all’interno della spiaggia dei cani una parte dei proprietari non rispetta il regolamento e lascia i propri animali incustoditi senza tenerli al guinzaglio.

Com’è noto, infatti, i cani non possono essere lasciati senza guinzaglio se non in acqua: il problema quindi non è quello di istituire delle regole, che esistono già, quanto più quello di farle rispettare, e qui il compito della Polizia Municipale è fondamentale. Io stesso nel pomeriggio di sabato scorso, attraversando la spiaggia dei cani durante una passeggiata in riva al mare, mi sono trovato di fronte un grosso cane bianco, presumibilmente di razza pitbull, che “puntava” i passanti sbarrando la strada; parecchie persone erano intimorite e non sapevano che fare, qualcuno cercava di richiamare l’attenzione di un padrone che però non è mai intervenuto.

Al di là dell’episodio specifico, frequentando la zona posso testimoniare che capita spesso che cani anche di grossa taglia siano lasciati senza guinzaglio dai padroni, che evidentemente non si curano dell’esistenza di un regolamento, peraltro ben esposto su dei cartelli, né tantomeno del fatto che non tutti sono amanti dei cani, ma per fare una passeggiata devono inevitabilmente attraversare quel tratto di spiaggia. Per non parlare poi dei bambini, che con i loro giochi potrebbero finire per innervosire uno di quei grossi cani con grandi rischi per la loro incolumità. Con tutto questo non voglio generalizzare, perché so benissimo e vedo con i miei occhi che ci sono anche molti padroni responsabili che rispettano le regole.

Inoltre tengo anche a sottolineare che a mio avviso Animalido rappresenta una risorsa importante nell’ambito dell’offerta balneare fanese, a tal punto che la variante al Piano Spiagge recentemente approvata prevede una nuova spiaggia per animali anche a Ponte Sasso. Rivolgo quindi un appello alla Polizia Municipale affinché durante tutta l’estate svolga controlli assidui e rigorosi presso Animalido per verificare che tutti i padroni rispettino le regole e, oltre a tenere sempre i propri cani al guinzaglio, abbiano con sé anche il loro libretto sanitario; solo così facendo si potrà garantire la sicurezza di chi frequenta quella spiaggia e quelle circostanti, e soprattutto che la maleducazione di qualcuno non si ripercuota negativamente su tutti quelli che invece rispettano le regole.

Bisogna evitare, infatti, che quel tratto di spiaggia, da risorsa che oggi è, si trasformi in una sorta di “ghetto” evitato da chiunque non possieda un animale.


da Giacomo Mattioli
Consigliere Comunale - La Tua Fano
Presidente della Commissione Urbanistica-Ambiente




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-06-2011 alle 12:17 sul giornale del 30 giugno 2011 - 2131 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, la tua fano, Giacomo Mattioli, spiaggia dei cani

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/mH7


Colgo l'occasione per lanciare un messaggio. Siamo sicuri che debbano essere sempre le autorità ad intervenire o non è ormai ora che NOI CITTADINI con i dovuti modi PRETENDIAMO il rispetto delle leggi ?
Se si è trovato con un cane che sbarrava la strada intimorendo i passanti era suo dovere segnalare con garbo al proprietario che quel comportamento è scorretto, e di fronte ad una eventuale insistenza o veemenza del proprietario era suo dovere chiamare immediatamente le forze dell'ordine per un controllo.
Basta lamentarsi, agire agire è questo che serve, ritrovare lo spirito civico, sociale che porti ognuno di noi a pretendere il rispetto delle leggi nelle dovute proporzioni.
La notte Bianca, lo stupro, quante persone han visto sentito forse capito ma non si sono volute impicciare ???? questo è l'aspetto più triste non come ha detto il sindaco l'immagine della città . L'immagine è quella in una spiaggia con tanta gente può accadere ciò che è accaduto non perchè mancava la forza pubblica, ma perchè è mancato lo spirito civico in tutti quei giovani che POTEVANO fare qualche cosa e non l'hanno fatto.