Zaffini (Lega nord) sul dragaggio del porto di Fano

roberto zaffini Fano 23/06/2011 -

Sui fanghi del porto di Fano, ma in realtà sui dragaggi di tutti i porti delle Marche regna sovrana la confusione. La mia interrogazione che si discuterà in aula regionale martedì prossimo è rivolta a fare chiarezza su questo tema, perchè chiede semplicemente perchè nella vicina Romagna i fanghi vengono ricollocati tranquillamente in mare senza tante storie.



Perchè gli idrocarburi policiclici aromati, che sono il prinicpale residuo dei porti, da noi sono considerati tossici e dalle ARPA della Romagna sono definiti a bassa tossicità e facilmente degradabili? Il mio interesse per la Romagna ad informarmi e di paragonare le due realtà, non solo su questo specifico tema, probabilmente ha fatto emergere la disponibilità espressa in aula dal capogruppo del PD Mirco Ricci di legiferare sul tema del dragaggio anche nella nostra Regione in maniere simile alla Romagna.

La confusione che si nota ora è anche determinata all'interno dei vari uffici da me consultati da una parte si afferma che tutti i fanghi del porto di Fano sono da collocare in cassa di colmata, mentre in un recente convegno dal tema - Fanghi di dragaggio e attività produttive oggi - svolto il 13 settembre 2010 patrocinato dall'ISPRA con la partecipazione della Regione Marche, dai dati si apprende che nel porto di Fano ci sono 28.000 metri cubi che possono essere già da subito conferiti in mare e 38.000 metri cubi in cassa di colmata. Allora chiediamo chi ha ragione?

Va detto anche che la cassa di colmata è una bufala costosissima perchè conterrà 200.000 metri cubi e con il solo conferimento del dragaggio del porto di Fano sarebbe quasi mezza piena! Resta comunque il fatto che bisogna in maniera bipartisan arrivare urgentemente ad una legge che permetta di collocare in mare tutto il materiale dragato con costanza e a brevi periodi perchè ha il doppio vantaggio di essere notevolemte più economico e utile al ripascimento della costa che è danneggiata continuamente dall'erosione marina. E' quello che anche si afferma e si tende di raggiungere nell'oggetto e finalità dell'accordo di programma.


da Roberto Zaffini
Consigliere Regionale Fratelli d'Italia-AN





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-06-2011 alle 13:25 sul giornale del 24 giugno 2011 - 1836 letture

In questo articolo si parla di politica, lega nord, roberto zaffini, Consigliere Regionale Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/msl


Con una battuta, mi viene da rispondere sulle differenze tra Romagna e Marche: forse i romagnoli fanno così perché sono... più zozzi di noi? Non sarà un caso se noi abbiamo più bandiere blu di loro.

Consigliere Zaffini,
Vuol far portare i fanghi del porto al largo?
Ma allora Lei non segue le "Historie fanesi"!
E se poi nella zona ci fossero ancora i piedi del Lisippo, che vogliamo fare? Li sepelliamo in metri e metri di melma?
Sherzi a parte,
credo che si farebbe bene, come Lei penso stia facendo, approfondire quel che dice la legge romagnola e, magari, copiarla e via!
Buon lavoro.

- Ps. Lo sa che qualche decina di anni fa si faceva proprio così? Provi a farsi raccontare dai pescatori della "confraternita del fico".