Vertenza Tallarini, soluzione vicina

matteo ricci Fano 23/06/2011 -

Soddisfatti i sindacati al termine di un vertice in prefettura con le istituzioni e le controparti.



Un incontro positivo dal quale cominciano a delinearsi chiaramente i contorni di una soluzione positiva della vertenza Tallarini.

Questo, a caldo, il commento delle organizzazioni sindacali Fiom Cgil Fim Cisl e Uilm Uil al termine di un vertice in prefettura giovedì pomeriggio 23 giugno con tutti i soggetti che a vario titolo in questi mesi sono intervenuti nella complessa crisi finanziaria dell’azienda metalmeccanica di Schieppe di Orciano: il prefetto Attilio Visconti e il presidente della Provincia Matteo Ricci per le istituzioni, i rappresentati dell’azienda, degli istituti di credito che finanziano il progetto industriale e della multinazionale Nuovo Pignone.

E’ stato sottoscritto un verbale che prevede impegni precisi – commentano Fiom Fim e Uilm –, a partire dal piano finanziario aggiornato che a breve sarà certificato ed entro il 15 luglio sarà esecutivo”. “Nessun licenziamento, rientro al lavoro di tutti i 130 dipendenti e il pagamento delle mensilità arretrate erano le nostre richieste –proseguono -, per questo abbiamo chiamato in causa anche la Nuovo Pignone, la principale cliente della Tallarini e crediamo di aver fatto la scelta giusta. Oggi ci è stato garantito che la multinazionale ha riconfermato le commesse per altri 24 mesi, e dopo un incontro tecnico con l’azienda previsto per mercoledì prossimo, la produzione dovrebbe finalmente ripartire e avremo una risposta positiva a tutte le richieste che abbiamo sempre avanzato ”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-06-2011 alle 22:48 sul giornale del 24 giugno 2011 - 656 letture

In questo articolo si parla di attualità, cgil, matteo ricci, tallarini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/mva