Furti, fermata una banda di napoletani

carabinieri fano Fano 16/06/2011 -

Sei pregiudicati residenti nella provincia di Napoli, di età compresa tra i 55 e 40 anni, avevano preso alloggio nei giorni scorsi in un albergo di Fano. La loro presenza non è sfuggita ai militari della Compagnia di Fano e al personale del Commissariato di Polizia. Dopo alcune verifiche è stato appurato il loro collegamento con un altro pregiudicato campano residente a Fano, di professione venditore ambulante, che fungeva da basista.



I carabinieri con personale in borghese, tramite le Stazioni di Marotta e San Costanzo e con l'aliquota operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile, da una parte, e gli agenti del Commissariato dall'altra, li hanno pedinati per qualche giorno bloccandoli prima che potessero mettere in atto dei furti ai danni di aziende di abbigliamento della zona.

I sei sono stati sorpresi nei pressi di alcuni capannoni industriali con torce, grimaldelli, guanti in lattice, passamontagna, scanner, utilizzati per sintonizzarsi sulle frequenze delle forze di polizia, e attrezzatura elettronica per disinnescare gli allarmi. Tutti, compreso il complice, sono stati denunciati per possesso ingiustificato di chiavi alterate e di grimaldelli in concorso tra loro. Per i sei pregiudicati residenti a Napoli è stata proposta al questore di Pesaro e Urbino l'applicazione del foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno a Fano e nell'intera provincia di Pesaro e Urbino per un periodo di tre anni.

Sono in corso le indagini sui furti messi a segno negli ultimi tempi nei confronti di note aziende di abbigliamento della zona e non si esclude il diretto coinvolgimento della banda anche in episodi analoghi verificatisi in ambito provinciale.






Questo è un articolo pubblicato il 16-06-2011 alle 18:39 sul giornale del 17 giugno 2011 - 423 letture

In questo articolo si parla di cronaca, francesca morici, fano, furto, azienda

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/mcq