Identikit del pellegrino, del turista religioso e del sacro

3' di lettura Fano 03/06/2011 -

Chi e' il viaggiatore religioso, il turista del sacro oggi? Quale il suo identikit? Se ne e' parlato nella seconda giornata del convegno a Fano (Centro Pastorale) - rende noto don Giacomo Ruggeri, portavoce del Vescovo - con oltre 110 convegnisti da tutta Italia, dal titolo “Signore da chi andremo? Pellegrini, cercatori di Dio” organizzato 'Ufficio nazionale CEI per la Pastorale del Tempo Libero, Turismo e Sport della Cei in collaborazione con il segretariato Nazionale Santuari e Pellegrinaggi Italiani.



Ad aprire i lavori il professor Maurizio Boiocchi, dottore di ricerca all'Università IULM di Milano il quale, dati alla mano, ha redatto una sorta di carta d'identità del pellegrino di oggi, considerando l'età, la professione, il titolo di studio, la scelta delle destinazioni ed altri parametri inerenti il pellegrinaggio.

“Nel corso degli ultimi anni – ha spiegato Boiocchi – a fronte di una sensibile contrazione del turismo tradizionale, i viaggi con motivazione di fede hanno fatto registrare un costante incremento. Secondo i dati del Wto (World Tourism Organization), i 'viaggiatori religiosi' nel mondo sono 300-330 milioni l'anno. Il pellegrinaggio – ha proseguito Boiocchi – costituisce, fin dai tempi più remoti, una componente fondamentale della manifestazione di fede. Esso non è soltanto un'occasione speciale di incontro tra gli uomini e il divino, ma anche un fenomeno di superamento di confini geografici e di distanze, un'occasione di incontro fra razze e popoli”.

Per citare solo alcuni dati: la compagine più numerosa dei pellegrini è formata da donne (57%), età compresa tra 51 e 65 anni (42%). La maggior parte dei viaggiatori religiosi è diplomata e sposata con figli. Per quanto riguarda la professione, la prevalenza dei partecipanti dal punto di vista occupazionale è composta per il 42% da pensionati, il 16% da impiegati che comprendono anche religiosi, il 18% da casalinghe, il 7% da lavoratori autonomi, l'8% da operai, il 2% da artigiani, il 3% da dirigenti e il restante 4% da imprenditori. Il 55% dei pellegrini compie un solo viaggio all'anno, mentre il 27% ne effettua due, il 12% tre viaggi ed il 6% più di tre. Se focalizziamo l'attenzione sulla scelta dell'itinerario del pellegrinaggio, nel 68% prevale la fede nella religione di appartenenza, nel 14% dei casi incide l'aspetto prettamente culturale, minori sono invece le motivazioni di svago (1%) e la curiosità (4%).

"Nella gestione delle dinamiche di gruppo - ha spiegato Boiocchi - risulta molto importante la figura del'assistente spiritualeche, con il suo rapportarsi con le persone, riesce a gestire tuti gli aspetti emozionali relazionali. Il 46% dei pellegrini ha avuto con questa figura un ottimo rapporto, il 40% buonoi, l'11% sufficiente. Un rapporto insufficiente è stato definito solo dal 3% dei partecipanti".

Per arricchire la propria esperienza di viggio, durante il pellegrinaggio è sempre molto positivo il confrontarsi con la popolazione e le etnie locali incontrate durante il viaggio. Non è smepre facile questo rapporto, ma molto importante è riuscire ad incontrarsi per provare a fare un confronto con le diverse realtà. Il 47% ha espresso un giudizio buono, il 18% ottimo, il 19% sufficiente. Poche occasioni di ritrovo sono state valutate dal 13% degli intervistati, mentre solo il 3% ha espresso un valore di giudizio insufficiente.

“Molti partecipanti a un viaggio di fede – ha sottolineato Boiocchi – rientrando nel proprio ambiente, avvertono l'esigenza di avviare processi di trasformazione interiore e di modificazione del tessuto etico-culturale, attraverso l'assunzione in prima persona di nuove responsabilità e attraverso l'incremento della partecipazione ai più vari livelli sociali e religiosi”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-06-2011 alle 13:59 sul giornale del 04 giugno 2011 - 2060 letture

In questo articolo si parla di chiesa, religione, attualità, Diocesi di Fano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/lBg


Insomma, siamo passati dal TURISMO DI MASSA a quello DI MESSA !




logoEV