'Viandanti sul Catria', un libro per ripercorrere la storia del monte Catria

monte catria Fano 14/04/2011 -

E’ un’esperienza affascinante ripercorrere sentieri che nel passato hanno visto la presenza di personaggi illustri e il Monte Catria ne ha conosciuti tanti, a partire da Dante Alighieri che nel “gibbo che si chiama Catria, di sotto al quale è consecrato un ermo” passò nel corso di una delle sue peregrinazioni; sulle tracce del Poeta nell’Ottocento si pose il professore parigino Jean Jacques Ampère (figlio del famoso fisico francese scopritore dell'elettromagnetismo), anche lui deciso a visitare il monastero di Fonte Avellana.



E’ quanto ha fatto di recente Virgilio Dionisi, autore di “Viandanti sul Catria”, che venerdì pomeriggio sarà presentato alle ore 17.30 nella sala della Fondazione Carifano di via Montevecchio.

Parleranno il presidente della Fondazione Fabio Tombari, Alberto Berardi, Giorgio Roberti e Luciano Poggiani. Verranno descritti i tesori di questo vero e proprio “scrigno di natura”, spesso minacciato da incongrue “valorizzazioni” turistiche. A tutti gli intervenuti sarà distribuita una copia di “Viandanti sul Catria” insieme ad un opuscolo su fiori e farfalle.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-04-2011 alle 16:55 sul giornale del 15 aprile 2011 - 614 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, argonauta, monte catria

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/jC5