Sorcinelli: 'Quattro ottime ragioni per dire no all'ospedale unico e alla chiusura del S. Croce'

la destra Fano 14/04/2011 -

Manifestazione sabato 16 aprile alle ore 16.30.



1) Dicono che il Santa Croce di Fano e il San Salvatore di Pesaro sono strutture vecchie e pertanto ormai superate; la verità è che la parte originaria delle 2 strutture risale effettivamente a circa un secolo fa, ma ormai la gran parte dei 2 ospedali è molto più recente, essendo stata ristrutturata, o addirittura realizzata ex novo pochi anni fa. In particolare per la ristrutturazione dell’esistente e la realizzazione dei nuovi padiglioni sono stati spesi negli ultimi 20 anni oltre 150 milioni di euro. Si tratta di soldi dei cittadini, di tutti noi, che oggi si vorrebbero buttare, via per spenderne altri 200/300 milioni in un nuovo ospedale. Ma Lor Signori proprio non hanno un minimo di vergogna?

2) Se proprio avanzassero dei soldi, (cosa di cui dubitiamo grandemente, vista la costante penuria di uomini e mezzi), li utilizzassero per prendere più medici, infermieri e apparecchiature: più che i muri nuovi, sono la qualità e la quantità del personale e delle apparecchiature che fanno grande un ospedale.

3) Il nuovo ospedale, secondo quanto dichiarato dall’Assessore Mezzolani in una intervista sulla stampa locale del dicembre scorso, avrà 450 posti letto, cioè circa 140 posti letto in meno rispetto alla somma degli attuali posti letto esistenti negli ospedali di Fano e di Pesaro, che verranno chiusi. La cosa evidentemente comporterà un ulteriore allungamento delle liste di attesa, già insopportabili adesso. Bisognerà quindi ricorrere ancor più alle strutture private. Ma la Salute è un lusso?

4) Togliere i due ospedali dai centri cittadini di Fano e Pesaro vuol dire allontanare i servizi dagli utenti, ridurne l’accessibilità. Considerando che oggi la maggioranza dei ricoveri ospedalieri riguarda gli ultrasessantacinquenni, non è una cosa di poco conto. Oggi i due ospedali, essendo nei centri cittadini, possono essere facilmente raggiunti, perfino a piedi e/o in bicicletta dalla maggior parte degli abitanti: domani non sarà più così e anche coloro che vengono dagli altri Comuni si troveranno comunque ad avere una strada più lunga da percorrere. Anche perché la viabilità certo non aiuta. Insomma l'ospedale unico è per i palazzinari non per i cittadini: sabato vieni anche tu a dire no in piazza.


da Federico Sorcinelli
segretario La Destra




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-04-2011 alle 19:34 sul giornale del 15 aprile 2011 - 1486 letture

In questo articolo si parla di sanità, fano, ospedale, politica, la destra, pesaro, Federico Sorcinelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/jEN


Parole sagge, ma non c’è peggior sordo di chi non vuole ascoltare.
Punti estremamente chiari, specie quello sulla mobilità. Se contiamo le persone che passano nelle rispettive portinerie ci rendiamo conto quanto aumenterà il traffico sulla già intasata statale. Mentre per i due centri sarebbero raggiungibili anche a piedi e in bici.
Lo stesso Ricci ha delle perplessità per l’estate. Se per un incidente ci fosse un blocco stradale specie da Fano che giro bisogna fare? Si arriva in tempo? Ma forse è qui il risparmio per la sanità?
Inoltre quando avevo congiunti al S.Croce riuscivo a fare visita anche durante la pausa pranzo e se fosse A Fossosejore?
Vorrei aggiungere l’impatto ambientale, specie vista la costa dal mare. Se viene una cosa simile all’ospedale di Torrette è presto immaginabile. Dire un colpo basso al turismo è dire poco.
Se si parte per una destinazione non c’è di più cosa distruttiva che cambiare direzione.
Chi ha sentito Ricci a Fanotv non può che aver avuto la sensazione che il presidente tentasse a tutti i costi arrampicarsi sugli specchi.

Remo Mariani

Parole sagge, ma non c’è peggior sordo di chi non vuole ascoltare.
Punti estremamente chiari, specie quello sulla mobilità. Se contiamo le persone che passano nelle rispettive portinerie ci rendiamo conto quanto aumenterà il traffico sulla già intasata statale. Mentre per i due centri sarebbero raggiungibili anche a piedi e in bici.
Lo stesso Ricci ha delle perplessità per l’estate. Se per un incidente ci fosse un blocco stradale specie da Fano che giro bisogna fare? Si arriva in tempo? Ma forse è qui il risparmio per la sanità?
Inoltre quando avevo congiunti al S.Croce riuscivo a fare visita anche durante la pausa pranzo e se fosse A Fossosejore?
Vorrei aggiungere l’impatto ambientale, specie vista la costa dal mare. Se viene una cosa simile all’ospedale di Torrette è presto immaginabile. Dire un colpo basso al turismo è dire poco.
Se si parte per una destinazione non c’è di più cosa distruttiva che cambiare direzione.
Chi ha sentito Ricci a Fanotv non può che aver avuto la sensazione che il presidente tentasse a tutti i costi arrampicarsi sugli specchi.
Se i sigg che sostengono Fossoseiore pensano sia una soluzione di buon senso perchè non affrontano un referendum? Grazie