Ospedale unico, D'Anna: 'Si faccia un referendum provinciale'

giancarlo d'anna 1' di lettura Fano 13/04/2011 -

Mentre si avvicina la manifestazione a difesa dell'Ospedale Santa Croce e contro l'Ospedale Unico prevista per sabato 16 aprile alle 16,30 di fronte all'Ospedale di Fano, ci si inizia a rendere conto che il progetto Unico Ospedale, come denuncio da anni, segnerà la fine degli ospedali dell'entroterra che da ospedali si trasformeranno in lungodegenze e riabilitazione perdendo così la funzione di Ospedale e costringendo gli abitanti dell'interno a scendere verso il mare in un esodo ininterrotto che in futuro porterà allo spopolamento dell'entroterra.



A questo punto anche i più scettici e silenti si rendono conto di quanto accadrà e che è già in movimento. E' necessario fermare questo scellerato progetto a breve partecipando alla manifestazione di sabato per dare un forte segnale alla Regione.

In seguito, subito dopo, spingere ed organizzare un referendum provinciale per coinvolgere le popolazioni dell'entroterra e della costa per dire SI o NO al progetto della regione Marche che punta ad avere un unico ospedale per provincia con tutto ciò che comporta. Basta subire le decisioni. Partecipazione e condivisione le parole d'ordine.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-04-2011 alle 16:56 sul giornale del 14 aprile 2011 - 1985 letture

In questo articolo si parla di sanità, fano, politica, pesaro, Popolo delle Libertà, Giancarlo d'anna

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/jAu


... Consaigliere,
mi sa che se aspettiamo di fare il Referendum (viste le stesse difficoltà di natura burocratica) di ospedali "unici" fanno in tempo a farne 25!
E poi sul Referendum, come ho avuto modo di ricordare più volte, non bisognerebbe mai dimenticare come andò a finire quello famoso che venne indetto da Ponzio Pilato, intorno ai duemila anni fà: "Chi volete voi che io liberi, Gesù di Nazareth o Barabba?" (il ladrone: e sì: ce ne sono sempre stati!).

Come andò a finre lo sappiamo: Barabba libero e Cristo in Croce.

Insomma, prima del Referendum credo proprio che ci siano tante altre cose da fare. Come, per esempio, quella della Manifestazione di Sabato prossimo.
Vedrà, Consigliere, che saremo in tanti, più della volta scorsa (con o senza pioggia!).

Sarebbe veramente dare voce al popolo.
Ma che dubito che i sigg. Amministratori lo vogliano.

Una vera verifica se il buon senso dice di allontanare i servizi ai pazietnti..