D'Anna scrive a Spacca: 'Aiutaci a salvare il convento di Santa Maria Nuova'

giancarlo d'anna 1' di lettura Fano 03/04/2011 -

Martedì 5 aprile è una data importante per la vicenda di Santa Maria Nuova. In quella data si riuniranno in Capitolo Provinciale i frati delle Marche, che in quella sede potrebbero decidere il futuro della Comunità dei Francescani di Fano di Santa Maria Nuova.



La vicenda è nota, c'è il serio rischio che Fano perda la presenza determinante dei frati che tengono in vita il complesso di Santa Maria Nuova la cui storia e importanza è conosciuta e indiscussa.

Noi crediamo che sia indispensabile che Fano riacquisti una vera e propria comunità di frati francescani, almeno quattro, il che è possibile con degli spostamenti di altri frati che operano nella nostra stessa provincia.

Al Presidente Spacca rivolgiamo un appello. Visto che la Regione Marche, attraverso i fondi FAS e CEE si sta adoperando per “Recupero e ripristino del complesso monumentale Eremo del Sasso in località Valleremita di Fabriano” progetto del Ministro Provinciale dei Frati Minori delle Marche, padre Ferdinando Campana, chiediamo che anche Fano possa continuare ad avere vivo un luogo da tutti riconosciuto importante.

Al Presidente della Regione, chiediamo quindi di appoggiare questa nostra iniziativa, condivisa dalla città intera, per far si che nella città di Fano la Comunità dei Frati francescani venga mantenuta anzi potenziata e quindi di sensibilizzare padre Ferdinando Campana affinché non si chiuda un capitolo storico, umano e religioso a cui la cittadinanza di Fano è fortemente legata.

I consiglieri regionali:
Giancarlo D'Anna
Mirco Carloni
Roberto Zaffini






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-04-2011 alle 16:19 sul giornale del 04 aprile 2011 - 1048 letture

In questo articolo si parla di fano, politica, Popolo delle Libertà, pdl, Giancarlo d'anna, consigliere regionale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/jb1


... Bravi!
Vedete che quando vi mettete insieme e vi impegnate qualche cosa di buono vien fuori!
Chiedo scusa per i paragoni davvero "profani" ma dopo La chiusura della Caserma, lo zuccherificio, gli uffici Enel, ecc., Fano non può proprio permettersi di "nascondere" anche Giovanni Santi, il Perugino, raffaello...
E' la città tutta che deve dire NO, 'stavolta!
G.P.




logoEV